Isagri, un gruppo europeo in piena crescita

L'azienda ha deciso di fare delle nuove tecnologie un fattore di crescita e di sviluppo. In quest'ottica il Gruppo intende ampliarsi avvalendosi della collaborazione di nuovi professionisti

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

isagri-sede.JPG

Nel 2006 Isagri lanciava 4 grandi sfide: crescita e qualità, un binomio garantito nonostante la crisi finanziaria, una sfida tecnologica, una sfida europea e una umana. Dopo quattro anni si può affermare che gli obiettivi sono stati raggiunti: basta considerare la crescita del 51% o il piano ambizioso di riscrittura di tutta la gamma, al fine di migliorare le prestazioni dei programmi, senza disorientare i clienti, la cui fidelizzazione rimane un punto fermo per la società.

Ma Isagri non intende fermarsi qui, anzi.
Ha fissato priorità ben chiare per i quattro anni a venire. In altre parole, ha definito il percorso che tutti, in particolare le filiali europee, devono seguire con lo scopo di ritrovarsi nel 2014 ancora ai primi posti della classifica.
Nonostante le difficoltà a cui il settore agricolo deve far fronte, il presidente del gruppo, Jean- Marie Savalle, afferma di avere una visione del tutto ottimisticaper il futuro e di aver voglia di continuare a crescere, restando sempre un gruppo forte ed unito.

In quest’ottica, il gruppo leader nel settore agricolo in Europa avrà bisogno di nuovi collaboratori e nuovi CIM (Corrispondenti Isagri Microinformatica) disposti a mettersi in gioco e a crescere all’interno di un grande gruppo europeo.

Nella grande maggioranza dei casi, si tratta di agricoltori, agronomi, specialisti in ambito agricolo, spesso utenti dei software Isagri, che decidono di iniziare un’attività complementare alla loro, arricchendo così il proprio percorso professionale. Diventano quindi formatori e promotori delle soluzioni Isagri, attività impreziosite dalla loro personale esperienza nel settore.

Alla base di questa scelta, diversi possono essere gli stimoli: la passione per l’agricoltura e l’informatica, la possibilità di essere sempre aggiornati sulle ultime innovazioni in campo agricolo, la volontà di conoscere persone e territori nuovi, nonché il fattore economico. Si tratta di una professione la cui credibilità e affidabilità cresce sempre più. I clienti si sentono rassicurati, in quanto seguiti da professionisti del settore altamente qualificati.

Uno degli obiettivi futuri del gruppo Isagri consiste nel ricercare nuovi collaboratori e nel fornire loro la giusta formazione per accrescere ulteriormente le loro competenze e farli diventare, così, veri ambasciatori della società a livello regionale.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.620 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner