Bilancio 2006 per le sementi: in calo le esportazioni

Ais - Associazione italiana sementi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 12 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

campo di grano.jpg
Gli scambi commerciali di sementi con gli altri paesi continuano a rallentare e nel 2006 il bilancio commerciale negativo si è aggravato soprattutto per una diminuzione in valore di oltre il 15% delle esportazioni. E' quanto sottolinea l'Ais (associazione italiana sementi), commentando i dati Istat sull'import-export della scorsa annata che evidenziano un saldo negativo passato dai 110 milioni del 2005 ai 123 milioni di euro del 2006. Il valore complessivo delle sementi importate dall'Italia si è aggirato nel 2006 su circa 247 mio/Euro, in lieve contrazione rispetto al 2005, a fronte di esportazioni per complessivi 124 mio/Euro. "L'andamento degli scambi nei settori in cui il fabbisogno di sementi dipende molto dall'estero - ha evidenziato l'Ais - riflette solo in parte l'evoluzione interna delle colture: infatti, mentre nel 2006 la superficie coltivata a mais in Italia sia diminuita, il quantitativo di seme importato è rimasto pressochè stabile in quanto ha dovuto supplire ad una minore produzione nazionale. Per la soia, la superficie coltivata nel 2006 è aumentata, ma le importazioni sono invece diminuite perchè nel frattempo è aumentata la produzione interna di seme". Dati 2006 e quelli storici sugli scambi italiani di sementi sono disponibili al seguente indirizzo: http://www.sementi.it/dati_statistiche.htm

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 229.566 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner