Le macchine agricole del futuro: la visione di Massey Ferguson

Uno sviluppo potenziale della tecnologia in ambito agricolo non è così lontana

Questo articolo è stato pubblicato oltre 12 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

massey-ferguson-tecnologia.jpg

Un veicolo agricolo automatizzato potrebbe essere utilizzato per il raccolto selettivo tramite l'uso di sensori in grado di rilevare il grado di maturità del raccolto

Questo e tanto altro nell'ultimo numero della rivista Massey Ferguson News@MF disponibile on line

 

Operazioni di diserbo o irrorazione di colture con una semplice ed unica pressione di un pulsante da parte di un operatore umano, ecco cosa rappresentano le immagini futuristiche allegate all'articolo, ma 'la visione di uno sviluppo potenziale delle attrezzature agricole non è poi così lontana', dichiara Campbell Scott, responsabile sviluppo marchio MF. La tecnologia dei veicoli automatizzati è molto cresciuta in questi ultimi anni, come anche le macchine guidate da sensori per eseguire procedure automatizzate in azienda. L'immagine è stata commissionata in particolare come parte di un nuovissimo progetto dell'Unione Europea, 'l'azienda del futuro', in cui università, istituti di ricerca e aziende private di tutta Europa stanno collaborando per esplorare i mezzi 'per soddisfare le sfide delle aziende agricole di domani'.

Il Project Leader, Simon Blackmore, ha contattato la casa madre di Massey Ferguson, AGCO, per contribuire a concentrare l'attenzione sulla tecnologia robotizzata. Doug Durand, direttore del gruppo Advanced Technology Solutions (ATS) di AGCO spiega: 'Conformemente alla propria visione e all'impegno nel fornire soluzioni di alta tecnologia per agricoltori professionisti nel settore dell'alimentazione, AGCO concentra i propri sforzi nella continua evoluzione di prodotti tecnologici orientati alla completa commercializzazione di veicoli automatizzati'. 'Nel settore dell'integrazione dei sensori e della connettività wireless sono stati fatti significativi progressi che faranno dei veicoli automatizzati una realtà in molti mercati agricoli di tutto il mondo in un futuro molto prossimo', continua. 'Grazie al partenariato con istituzioni e aziende tecnologiche all'avanguardia, AGCO è fortemente coinvolta nello sviluppo di tecnologie per veicoli automatizzati e di altri prodotti tecnologicamente avanzati al fine di contribuire ad accrescere la produttività e il rendimento degli agricoltori di oggi e di domani'. Simon Blackmore ha collaborato con Mark Moore, responsabile gestione macchine di ATS e con un disegnatore grafico per far fruttare le proprie idee a partire da questa immagine. 

Un ambizioso obiettivo di unire le conoscenze di Simon nella robotica e le conoscenze di MF nelle applicazione agricole. Un'eventuale applicazione può essere quella del raccolto selettivo. Il veicolo delle stesse dimensioni di un minitrattore, comprendente un gruppo motore-trasmissione e una tramoggia di raccolta, dove sul lato anteriore è possibile trovare sensori luminosi che controllano il grado di maturità del raccolto e un coltello situato sotto, pronto a tagliare se riceve il segnale corretto. La condizione di tramoggia piena viene rilevata automaticamente, quindi il macchinario torna verso il centro di raccolta autonomamente.  Le macchine possono essere controllate a distanza con il collegamento telemetrico che potrebbe richiedere all'operatore di configurare il processo in movimento con la semplice pressione di un pulsante. L'immagine ci fa certamente immaginare come potrebbe apparire un'azienda agricola del futuro, Campbell Scott afferma che 'queste immagini hanno già suscitato molti dibattiti qui alla MF e sembrano in grado di stimolare effettivamente l'idea di un maggior uso dei robot in agricoltura'.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 242.300 persone iscritte!