Nord Italia, si guarda già al 2019

In Veneto è partito il percorso di consultazione per individuare le priorità della Pac post 2020, mentre in Friuli si è concluso l'iter della legge di bilancio, con alcune misure importanti per il settore agricolo

soldi-banconote-monete-euro-by-fotolia-750.jpeg

Lo sguardo va già alle risorse finanziarie per l'agricoltura del 2019
Fonte foto: © Fotolia 750

Si chiude il 2018 con le notizie positive provenienti dal Psr per le regioni italiane, ma si guarda già al futuro in vista del prossimo anno, dove si entrerà nella zona calda del pre-nuova Pac.


Friuli Venezia Giulia

Agricoltura, ok alle misure adottate
L'assessore regionale all'Agricotura Stefano Zannier saluta positivamente gli interventi per il settore agricolo e agroalimentare friulano a margine dell'approvazione della legge di Stabilità.

Tra le misure principale inserite nel testo, ci sono investimenti nei consorzi di bonifica per oltre 13 milioni di euro, sul fondo di rotazione (15 milioni di euro), oltre a interventi urgenti per far fronte alle emergenze causate dal maltempo, finalizzati ad aumentare le risorse finanziarie a sostegno dei danni da calamità.

"E' una grande soddisfazione constatare che le scelte che abbiamo adottato abbiano trovato un'ampia condivisione anche da parte dell'opposizione – spiega Zannier - con le risorse stanziate in Stabilità daremo sostegno alle linee principali del comparto".


Veneto

Pac post 2020, avviata la consultazione per individuare le priorità
Il mondo agricolo veneto si appresta a intraprendere un percorso di condivisione e consultazione in vista della prossima Pac post 2020, con il supporto degli esperti del Crea e delle Università di Padova e Verona.

"Ci preme affrontare il futuro del settore agricolo e del più ampio contesto rurale nazionale ed europeo con strategie meditate e condivise – sottolinea l'assessore all'Agricoltura Giuseppe Pan il settore primario in Veneto conta oltre 100mila aziende agricole, di cui 63mila iscritte alla Camera di commercio, per un totale di circa 800mila ettari di superficie coltivabile e una plv di poco superiore ai 6 miliardi. Siamo la Regione leader per produzioni certificate e volumi di export, in particolare nel vino. E' fondamentale iniziare a condividere insieme il quadro di analisi della Politica agricola comune del futuro, puntando a orientare gli sforzi possibili verso ciò che è veramente prioritario".

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner