Toscana, si allarga il Consorzio agrario del Tirreno

Approvata l'incorporazione del Consorzio agrario di Pisa. Il nuovo soggetto può contare su un totale di 57 agenzie e opererà su un territorio che va dalla provincia di Massa-Carrara a quella di Rieti

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

logo-consorzio-agrario-tirreno-by-consorzio-agrario-del-tirreno-jpg.jpg

Il logo del Consorzio agrario del Tirreno sullo sfondo di un campo di grano
Fonte foto: © Consorzio Agrario del Tirreno

E' stata attuata la fusione tra il Consorzio agrario di Pisa e il Consorzio agrario del Tirreno, quest'ultimo a sua volta nato nel 2015 dall'unione tra quello della Maremma toscana e quello di Viterbo.

I soci del Consorzio agrario di Pisa, durante l'assemblea generale di fine luglio, hanno approvato la proposta di fusione per incorporazione nel Consorzio agrario del Tirreno, che quindi mantiene il nome e lo estenderà anche alle zone coperte dalla società cooperativa pisana.

Una società quella pisana, che è operativa anche su Lucca, Massa-Carrara e Pistoia, mentre il Consorzio del Tirreno è attivo a Grosseto, Livorno, Viterbo, Roma e Rieti.

Il nuovo Consorzio così allargato può contare su un totale di 57 agenzie operanti sul territorio con un fatturato stimato di circa 100 milioni di euro.

Fabrizio Filippi, presidente del Consorzio agrario di Pisa, ha commentato l'evento parlando di una svolta epocale, e aggiungendo che l'obbiettivo è continuare a ridurre i costi di produzione e soprattutto orientare e qualificare i prodotti per garantire la massima qualità ai consumatori.

La fusione infatti avrà come effetti la riduzione dei costi fissi di struttura e degli oneri finanziari, il consolidamento e lo sviluppo aziendale e il rafforzamento del rapporto mutualistico con i soci.

Anche Massimo Neri, presidente del Consorzio del Tirreno, ha espresso grande soddisfazione per il passaggio realizzato che dovrà riuscire a dare agli agricoltori soci una nuova più grande ed efficiente struttura a tutela dei loro interessi.

Ad esprimere soddisfazione sono stati anche i vertici di Coldiretti Toscana che vedono nell'operazione un passo avanti nel senso della tutela delle imprese agricole che hanno nei consorzi agrari degli alleati che offrono servizi di supporto fortemente legati al territorio come ha detto Tulio Marcelli, presidente della associazione di categoria regionale.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 243.998 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner