Psr Marche, aiuti per certificare la qualità

Pubblicato il bando per il sostegno alla nuova adesione a regimi di qualità. Stanziati 36mila euro per aziende e associazioni di agricoltori che aderiscano per la prima volta ad una certificazione agroalimentare. Scadenza domande il 25 luglio prossimo

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agroalimentare-vino-formaggi-by-pilipphoto-fotolia-750.jpeg

Agroalimentare, le Marche finanziano l'adesione a sistemi di qualità certificata
Fonte foto: © pilipphoto - Fotolia

Le Marche hanno pubblicato il bando relativo alla sottomisura 3.1 del Psr, chiamata Sostegno alla nuova adesione a regimi di qualità, per incentivare aziende e associazioni a iniziare una produzione agroalimentare certificata.

L'obbiettivo è quello di incentivare le aziende ad aderire per la prima volta ai sistemi di qualità agricoli e alimentari certificati in modo da aumentare la produzione e il consumo di prodotti di qualità e aumentare il reddito generale delle aziende.

Al bando, attivo su tutto il territorio regionale, possono partecipare tutti gli agricoltori e le associazioni di agricoltori che siano soggetti promotori di una filiera di qualità riconosciuta nel Psr attuale o nella programmazione precedente 2007-2013.

Il bando mette a disposizione in totale 36mila euro per promuovere l'inizio di una produzione certificata, come le produzioni Dop, Igp o Stg per il settore agroalimentare, le produzioni Doc e Igp per il settore vitivinicolo, l'agricoltura biologica certificata, l'adesione al marchio Qm, Qualità garantita delle Marche, o alle norme per la rintracciabilità di filiera e per il carbon footprint.

L'importante è che la singola azienda o le associazioni di agricoltori aderiscano per la prima volta al tipo di certificazione scelto.

La sottomisura finanzia e può coprire i costi di prima iscrizione al sistema dei controlli, solo nel primo anno d'impegno, il contributo annuo per il mantenimento nel sistema dei controlli e i costi delle analisi previste dal disciplinare di produzione e dal piano dei controlli dell'organismo di certificazione.

Non sono invece coperti i costi per la certificazione di prodotti non destinati al consumo umano oppure dei prodotti della pesca e dell'acquacoltura.

Allo stesso modo la sottomisura non finanzia i costi dell'Iva e di altre imposte, le spese bancarie, ad eccezione di quelle sostenute per l'apertura e la gestione del conto corrente dedicato, i costi previsti a livello nazionale per tutti prodotti Dop e Igp, i costi relativi alla quota associativa dovuta ai consorzi di tutela o alle associazioni concessionarie del marchio Qm e i costi per le normali analisi previste dall'attività di autocontrollo.

Le domande dovranno essere effettuate entro le ore 13:00 del 25 luglio 2017.

Per maggiori informazioni è possibile consultare il bando o contattare il responsabile del procedimento al numero 071 806 3886 o scrivendo all'indirizzo e-mail ferruccio.luciani@regione.marche.it.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.633 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner