L'esportazione degli alimenti in Usa tra sicurezza alimentare, Italian sounding e Ttip

Martedì 21 giugno, ore 10.30, nella Sala Piana dell'Università Cattolica del Sacro Cuore a Piacenza

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

caffexpo-20160621.jpg

Piacenza, 21 giugno 2016

E' in programma il prossimo martedì 21 giugno, nella Sala Piana dell'Università Cattolica del Sacro Cuore a Piacenza, il convegno intitolato "L'esportazione degli alimenti in Usa tra sicurezza alimentare, Italian Sounding e Tttip".

A seguito dell'approvazione del Food safety modernization Act, chi esporta prodotti alimentari negli Stati Uniti è tenuto ad assicurare standard di sicurezza alimentare analoghi a quelli vigenti negli Stati Uniti. La nuova legge, alla quale sono seguiti diversi atti di implementazione, impone ai produttori più alti standard di sicurezza alimentare nonché l'adozione di piani di controllo volti ad evitare atti di adulterazione volontaria degli alimenti. 

La riforma interessa in particolar modo le aziende agroalimentari italiane, le cui esportazioni in Usa, nel 2015, valgono ben 3,2 miliardi di euro con una crescita del 20% rispetto al 2014. Questi dati importanti, tuttavia, rischiano di essere ridimensionati dal fenomeno dell'Italian sounding. Si stima che ben due prodotti su tre, venduti all'estero come italiani, in realtà non lo siano. Tra i prodotti più falsificati vi sono i formaggi, seguiti dai vini e conserve. 

Questo CaffExpò sarà anche un’opportunità per affrontare il tema della negoziazione del Ttip: un accordo internazionale volto a creare un'unica zona di scambio tra Usa ed Europa. Nel corso dell'incontro si cercherà quindi di capire se questo patto transatlantico rappresenterà un'importante occasione per rafforzare la tutela dei prodotti made in Italy, con particolare attenzione alle produzioni di qualità.

Per maggiori informazioni sul programma e i relatori clicca QUI o scrivi a info@caffexpo.com

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.270 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner