Agricoltura in sicurezza, la "ricetta" delle buone pratiche

Si è tenuto il 14 giugno 2013 alla Fondazione Edmund Mach il seminario di Inail e Aias, Associazione professionale italiana ambiente e sicurezza

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

fondazione-mach-seminario-sicurezza-14giu13.jpg

Dal primo giugno le aziende agricole devono predisporre il documento valutazione dei rischi

Dall’andamento degli infortuni e delle malattie professionali in agricoltura all’attività di vigilanza e prevenzione, dalla sicurezza sul lavoro alla proposta di uno specifico  programma di formazione. Sono i principali temi affrontati il 14 giugno al seminario “Salute e sicurezza sul lavoro nei settori agricolo e vitivinicolo” tenutosi a San Michele all'Adige, organizzato da Associazione professionale italiana ambiente e sicurezza (Aias) e la Fondazione Edmund Mach.

Dal primo giugno è infatti obbligatorio, anche per le aziende agricole, predisporre il documento valutazione dei rischi, una sorta di fotografia della sicurezza, dei rischi e delle misure utili a eliminarli o ridurli. Inoltre, da quest’anno,  la legge impone anche l’abilitazione all’uso di trattori, carri raccolta e altre attrezzature, e serve una formazione specifica per intervenire anche all’interno di spazi confinati come silos e cisterne.

Il seminario ha voluto fornire agli operatori interessati alcuni elementi normativi, tecnici ed organizzativi, utili per prevenire infortuni e malattie professionali nei settori di riferimento.
Per tutti gli interventi dei relatori continua la lettura sul sito della Fondazione Edmund Mach.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.269 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner