AGRIBIOPLAST, IL FILM FOTOBIODEGRADABILE PER PACCIAMATURA

Le sperimentazioni effettuate hanno dimostrato che il prodotto, oltre a garantire vantaggi agronomici e colturali, ne assicura altri di carattere economico, gestionale ed ambientale

Questo articolo è stato pubblicato oltre 17 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agribiopic.jpg
AgribioPlast è un film fotobiodegrabile per pacciamatura costituito essenzialmente da PEHD additivato con speciali additivi che, se pur presenti in quantità piccolissime,fungono da catalizzatori ed accelerano, in maniera controllata, il naturale processo di degradazione del materiale plastico.
Gli additivi impiegati sono stati accuratamente selezionati, in primo luogo per la loro bassa tossicità, per l’elevata efficienza e per la capacità di controllare, ritardandolo inizialmente, il processo di degradazione.
Terminato il periodo di induzione, gli additivi catalizzano rapidamente la fotoossidazione del film rendendolo di fatto biodegradabile.
Le numerose determinazioni effettuate, hanno consentito di dimostrare che l’utilizzo continuato di film additivati, non ha comportato accumuli di sorta nel terreno.
AgribioPlast oltre ai normali vantaggi agronomici e colturali delle pacciamature tradizionali, consente di ottenere importanti vantaggi economici, gestionali ed ambientali evitando la raccolta del film a fine ciclo colturale ed impiegando, a parità di superficie, un quantitativo ridotto di film.
Le sue caratteristiche tecniche sono le seguenti: spessore nominale micron 12; larghezza cm. 110; peso medio di una bobina kg. 45; sviluppo di una bobina m. 3500; impiego kg/ha 80. Il manufatto va conservato nell’imballo originale, lontano da fonti di luce o calore diretto.

Per informazioni: Agribio srl – Faenza (RA) tel. 0546/688404 – fax 0546/686903 e-mail: info@agribiosrl.it

Fonte: Agronotizie

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 202.191 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner