Punteruolo rosso delle palme, esperienze e terapie a confronto

A Dies palmarum si studiano le migliori strategie per arginare i parassiti delle palme; alle Canarie nuova emergenza

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

endoterapia-palma-dimostrazione-photocredit-fcea.jpg

Dimostrazione di endoterapia: interventi su palma phoenix - Credit: FCEA

Novità sostanziose sembrano provenire dall'endoterapia, tecnica che vede inoculato il principio attivo del farmaco nel sistema linfatico delle piante. Il principio endoterapico esercita da subito una funzione insetticida, rimanendo all'interno della pianta senza disperdersi nell'ambiente. Si tratta della tecnica finora più contrastante perché uccide le larve che mangiano i tessuti contaminati, ma la sua efficacia si riduce nei confronti degli individui adulti o delle larve dischiusesi nel bozzolo.

Anche la possibilità di regolamentare la commercializzazione delle palme in modo più attento dotando ogni pianta di un passaporto, una carta d'identità con dati di provenienza della palma, passaggi e spostamenti, trattamenti subiti e tutto ciò che permette maggiori garanzie a livello fitosanitario, è allo studio come opportunità per contrastare l'introduzione di palme infette nei paesi dove i parassiti ancora non si sono manifestati. Intanto dalle Canarie giunge un nuovo allarme: da qualche tempo sulle Phoenix canariensis è stato scoperto un nuovo predatore, diocalandra frumentii, un coleottero piccolo e nero in grado di creare grandi infestazioni e che potrebbe svilupparsi anche sulla palme presenti in Italia.

 

Approfondimenti tratti dalle relazioni presentate durante 'Dies Palmarum', Sanremo, 12-14 marzo 2008

Galleria Fotografica e comunicati - a cura di Federico Crespi & Associati - tutte le foto relative a Dies Palmarum

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.533 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner