Reintroduzione dei neonicotinoidi, Galan: 'Preoccupazioni infondate'

Il ministro delle Politiche agricole ribadisce la sospensione dei principi attivi accusati di essere i responsabili della moria delle api

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

alveare-ape-foto-uniud.jpg

Apicoltura, Galan ribadisce
il 'no' ai neonicotinoidi
Fonte foto: Università di Udine

"Non comprendo le ragioni delle numerose prese di posizione di questi giorni sulla presunta volontà di riabilitare gli insetticidi utilizzati a difesa della coltivazione del mais, i neonicotinoidi, visto che la decisione di confermare la sospensione è del 16 settembre 2010 e che il successivo decreto del ministro della salute del 15 ottobre 2010 non fa altro che ribadire le condizioni stabilite nel provvedimento di sospensione". Così il ministro per le politiche agricole, Giancarlo Galan, risponde alle preoccupazioni espresse dalle associazioni degli apicoltori sulla possibile reintroduzione di prodotti che metterebbero a rischio il settore. "Non mi stupisco invece – aggiunge il ministro – di quanto possano essere strumentalizzate determinate 'non notizie' da parte di coloro che avrebbero invece tutto l'interesse ad apprezzare il lavoro sin qui svolto, basato su di un importante programma di ricerca fortemente voluto dal ministero, attraverso il quale è stata messa a punto una rete di monitoraggio sul benessere delle api, che da quest'anno abbiamo reso permanente".

"Ricordo – conclude Galanche proprio grazie a questo programma di ricerca oggi possiamo disporre delle informazioni che ci hanno portato a sospendere i principi attivi sotto accusa, senza contare che la rete di monitoraggio prevede una serie di servizi di fondamentale importanza per gli apicoltori italiani; tra questi, molto apprezzato è il lavoro delle squadre di pronto intervento, che vengono attivate su segnalazione degli apicoltori, in stretto raccordo con le Asl competenti per territorio e sotto il coordinamento dell'Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie, centro di referenza nazionale per le api".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.896 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner