Qualità delle mele, in un manuale tutte le risposte

VOG, Consorzio delle Cooperative Ortofrutticole altoatesine, pubblica il volume trilingue 'Colore e qualità delle mele dell'Alto Adige'

Questo articolo è stato pubblicato oltre 10 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

VOG-copertina-libro-colore-e-qualita-delle-mele-dell-alto-adige.JPG.jpg

La copertina del manuale di VOG 'Colore e qualità delle mele dell'Alto Adige'

È possibile misurare la qualità di una mela? Si può.

Disponibile  dal primo settembre 2009, la nuova edizione del manuale "Colore e Qualità delle mele dell'Alto Adige" (100 pagine, 48€) fornisce le risposte a qualsiasi domanda sulla qualità interna ed esterna delle mele.

Il volume, curato dall'esperto melicolo Kurt Werth ed edito dal VOG - Consorzio delle Cooperative Ortofrutticole altoatesine, è in tre lingue - tedesco, italiano e inglese – e racchiude le tavole a colore per valutare la qualità e gli standard delle mele altoatesine. 

In Alto Adige si raccolgono ogni anno quasi 5 miliardi di mele: sistemate in fila indiana potrebbero abbracciate il globo terrestre per almeno otto volte.

Nessuna di esse è pari alle altre per aspetto estetico, caratteristiche intrinseche ed estrinseche: la natura non conosce standard. Ciò nonostante il legislatore e le organizzazioni commerciali hanno stabilito le più diverse norme per definire il concetto di "qualità".

La rappresentazione fotografica della qualità si limita alla colorazione, alla forma e alle caratteristiche della buccia delle diverse varietà.

A tale scopo in ogni pagina doppia del volume sono state inserite le immagini di 10 frutti per ciascuna varietà (5 mele di 1° categoria e 5 mele di qualità inferiore).

La colorazione è certamente l'aspetto prevalente ed è possibile suddividerla in 3 parametri:

percentuale di copertura

intensità della colorazione

brillantezza.

Ferite sulla buccia, causate da patogeni e parassiti, da grandine ed altro, sono trattate in un capitolo a parte.

Nel complesso, sono oltre 200 le foto racchiuse nel libro che definiscono i parametri di forma, colore e caratteristiche della buccia di tutte le varietà oggi prodotte e commercializzate in Alto Adige, utili per stabilire quali frutti possano essere considerati di "Categoria 1" e quali invece di "Categoria 2" secondo le norme stabilite dalla Comunità Europea. 

La "qualità interna" dipende da numerosi fattori. Di particolare importanza sono la scelta della data di raccolta e un'ottimale conservazione. Nella seconda parte del testo sono riportate tabelle relative al peso dei frutti, alle sostanze contenute nella mela e al significato della mela dal punto di vista della salute. Un quadro dettagliato degli standard per il confezionamento e l'imballaggio completa l'argomento.

Per concludere si riportano anche i più significativi regolamenti e descrizioni riguardanti i marchi ed i loghi.

"Colour & quality" non è un testo varietale nel senso pomologico, bensì un tentativo di presentazione ottica della qualità.

La qualità delle mele in Alto Adige è un valore globale, alla base dell'esistenza di diversi brand e protocolli di produzione: "Tutti i nostri frutti sono coltivati secondo le direttive di Agrios che definiscono le linee guide per la lotta integrata e che garantiscono la qualità delle mele a marchio Mela Alto Adige IGP/Südtiroler Apfel g.g.A e Marlene®", ha commentato Georg Kössler, Presidente del Consorzio VOG. "Questi brand sono espressione di una filosofia produttiva che le pagine di questo libro riassumono in modo completo e efficace" ha aggiunto. 

Per ordinare il volume "Colour & quality"  clicca qui

Fonte: Agronotizie

Speciale: Melo II

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.327 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner