Pioneer e DuPont: olio bio-tech dalla soia

La ricerca conferma le caratteristiche per il miglioramento dell'olio di soia Alto-Oleico di DuPont

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

logo_pioneer_200px.jpg

Nuovi risultati delle analisi sull’olio confermano che il carattere della nuova soia migliorata da DuPont porterà un migliore valore nutrizionale, con un maggior spettro di applicazioni, rispetto ad ogni altro prodotto di soia attualmente sul mercato. Il carattere di questa soia alto oleico è la prossima generazione dei prodotti di olio migliorati sviluppati da Pioneer Hi-Bred Int'l, un business di DuPont, quale parte della Bunge DuPont Biotech Alliance. “Noi stiamo preparando il terreno per un nuovo olio che porterà maggiori benefici nutrizionali per i consumatori e migliori rese per l’industria alimentare”, ha detto William S. Niebur; vice presidente DuPont, Crop Genetics Research and Development. “Questi positivi risultati della ricerca ci avvicinano di un ulteriore passo nello sviluppo del primo prodotto biotech con benefici diretti per il consumatore”.

I nuovi risultati dell’analisi sull’olio da soia alto oleico prodotta nel 2007 confermano che l’olio contiene almeno l’80% di acido oleico, aumentando significativamente la stabilità dell’olio stesso quando utilizzato nella frittura e preparazione dei cibi. Analogamente all’olio di soia a basso contenuto di acido linolenico, l’olio di soia alto oleico elimina la necessità di idrogenazione, portando alla produzione di cibi con un contenuto irrisorio di acidi trans.

L’olio di soia alto oleico presenta anche delle opportunità per applicazioni nel settore industriale e dei trasporti. L’alta stabilità dell’olio permetterà alle compagnie di sviluppare alternative rinnovabili e ambientalmente sostenibili ai prodotti derivati dal petrolio. “La caratteristica di questo olio di soia alto oleico apporterà un maggiore valore nutrizionale, di sostenibilità e funzionalità,” ha dichiarato Niebur. “Noi siamo entusiasti di lanciare sul mercato un prodotto dalle caratteristiche superiori che aiuterà a rispondere alla crescente domanda per oli nutrizionalmente migliorati e che creerà opportunità commerciali di valore per gli agricoltori.”

In aggiunta all’apportare almeno l’80 per cento di acido oleico, il carattere dell’olio di soia alto oleico ha dimostrato in modo costante un contenuto in acido linolenico inferiore al 3 per cento, e oltre il 20 per cento in meno di acidi grassi saturi rispetto al comune olio di soia.

L’olio sarà disponibile per prova per le industrie alimentari successivamente alla stagione di coltivazione 2008. Questo permetterà alle aziende alimentari clienti di condurre test in maniera indipendente sull’olio di soia alto oleico in anticipo rispetto ai quantitativi commercialmente disponibili dopo la raccolta della soia nel 2009.

L’olio di soia alto oleico prodotto da varietà di soia a marchio Pioneer® sarà commercializzato come Olio di Soia Alto Oleico Treus®. Il marchio Treus™ rappresenta la famiglia di prodotti industriali di riferimento per prodotti di soia sviluppati quali parte della Bunge DuPont Biotech Alliance. L’olio di soia alto oleico è in pista per l’introduzione commerciale in USA nel 2009, in attesa delle autorizzazioni in accordo alla normativa esistente.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 187.596 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner