Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Trattori stretti, vittoria parziale a Bruxelles

Riconosciuta dal Parlamento europeo la specificità di queste macchine, eccellenza italiana, tramite l'approvazione di due emendamenti che aprono uno spiraglio positivo sul futuro del comparto

landini-gamma-Rex-novita.jpg

Trattori stretti, passano due emendamenti su tre
Fonte foto: Argo Tractors SpA

E' stata una vittoria parziale quella di martedì 15 settembre a Bruxelles in seguito alla votazione in Parlamento Europeo presso la Commissione Envi - Ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare, dei tre emendamenti riguardanti l'applicazione ai trattori stretti della Fase IV di adeguamento al Regolamento sulle emissioni dei motori. Leggi articolo.

Il Parlamento Europeo ha, infatti, approvato due dei tre emendamenti sostenuti in aula dalla relatrice incaricata Elisabetta Gardini e voluti in particolare da Assotrattori - FederUnacoma.

"L'accordo costituisce un importante passo nella giusta direzione" hanno commentato CECE, CEMA e FEM in riferimento all'accordo raggiunto sul dossier ENVI/8/01933 riguardante i liveli di emissione per le macchine mobili non stradali.

Il primo emendamento approvato, impegna la Commissione Europea a effettuare ulteriori analisi prima di estendere il Regolamento dei motori per macchine mobili non-stradali ai trattori “stretti”.
"In pratica viene riconosciuta la difficoltà oggettiva a collocare nei cofani di questi trattori i voluminosi dispositivi per il trattamento dei gas di scarico" si legge nel comunicato FederUnacoma.

Il secondo emendamento approvato dispone che i trattori “stretti” attualmente sul mercato siano riprogettati ex-novo solamente all’entrata in vigore del nuovo Regolamento, evitando in questo modo di apportare alcune modifiche parziali imposte da una brevissima fase intermedia.

Il terzo emendamento, che non ha raggiunto il quorum necessario, puntava ad un'ulteriore proroga nell’attuazione dei provvedimenti. 

"Un risultato, quello ottenuto ieri a Bruxelles, che dunque tiene in pista la questione, lasciando margini per una soluzione normativa realmente sostenibile per le industrie costruttrici", scrive FederUnacoma aggiungendo che "il voto riconosce la specificità delle macchine agricole per vigneti e frutteti e apre la via per la definizione di una tempistica di attuazione del Regolamento sulle emissioni dei motori, maggiormente compatibile con i tempi di riprogettazione delle macchine da parte delle industrie costruttrici".

L'iter prevede ora una fase di negoziazione finale tra i rappresentanti di Parlamento Europeo, Consiglio dell’Unione Europea e Commissione Europea che si concluderà presumibilmente a dicembre 2015 con l’approvazione finale del Regolamento dei motori per macchine mobili non-stradali.

"Tre mesi ancora, dunque, per convincere il legislatore europeo in merito alle esigenze di carattere sia tecnico che industriale delle aziende costruttrici di trattori “stretti”, e quindi per evitare il rischio di un danno irreversibile per questo comparto della meccanica" chiosa il comunicato della federazione dei costruttori.

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner

Syngenta Italia
Kuhn Italia
Adama Italia
Bayer
ILSA
KWS Italia S.p.A.
Gowan Italia
Valagro
Rotam Agrochemical Europe
BASF Italia
Arysta Lifescience
EuroChem Agro
Sapec Agro Italia
Argo Tractors :: Landini
Italpollina
Biolchim
Chimiberg
Compo Expert Italia
Cheminova Agro Italia
Sumitomo Chemical Italia
Cifo
Adriatica
Kollant
CBC (Europe) :: Divisione Biogard
Belchim Crop Protection Italia
Irritec

Newsletter

L'ultimo numero di AgroNotizie è stato spedito il 7 dicembre a 134.345 lettori iscritti: leggilo ora »

* acconsento al trattamento dei miei dati personali per le finalità indicate nell'informativa sulla privacy