Consorzio agrario Nordest, bilancio 2018: più 25 milioni

Valore della produzione pari a 452 milioni di euro e un utile netto pari a 286mila euro. Approvati i conti dell'esercizio 2018 all'assemblea dei soci e nominato il nuovo Cda per il triennio 2019-2021

logo-consorzio-agrario-nordest.jpeg

L'assemblea dei soci si è tenuta lo scorso lo scorso 28 giugno a Verona

Approvato il bilancio dell'esercizio 2018 del Consorzio agrario del Nordest che si chiude con un valore della produzione pari a 452 milioni di euro (quasi 25 milioni in più rispetto allo scorso esercizio), una posizione finanziaria netta pari a circa 136 milioni (in diminuzione di circa 20 milioni rispetto all'esercizio 2017) e un utile netto pari a 286mila euro. Sono questi i numeri presentati lo scorso 28 giugno a Verona all'assemblea dei soci, in occasione della quale sono stati inoltre  nominati i componenti del Consiglio di amministrazione per il triennio 2019 -2021.

Questi risultati sono stati ottenuti grazie alla commercializzazione di prodotti e servizi innovativi per l'agricoltura (come sementi, mezzi tecnici, gasolio agricolo, mangimi), in un territorio che si dipana nel Nordest tra le provincie di Brescia, Mantova, Verona, Vicenza, Padova, Rovigo, Venezia, e – sul litorale adriatico tramite un accordo commerciale con il Consorzio agrario locale – tra le province di Forlì-Cesena, Rimini, Pesaro-Urbino, Fermo, Macerata e Ascoli Piceno.

"Siamo giustamente orgogliosi del lavoro svolto e dei risultati raggiunti - ha commentato il presidente Federico Dianin -. La forte riduzione dell'indebitamento bancario negli ultimi dieci anni non ha intaccato i costanti investimenti fatti (circa 80 milioni di euro dal 2008 ad oggi). Sono numeri che impressionano. Ci presentiamo davanti ai soci con una azienda più forte, radicata e innovativa di quanto non fosse tre anni fa e con tutte le carte in regola per proseguire ulteriormente in questo processo di costante miglioramento. Questi risultati - ha aggiunto  Dianin - non sarebbero stati raggiunti senza il lavoro e la dedizione di una grande squadra, costruita negli anni e coordinata ottimamente dal nostro direttore generale, Pierluigi Guarise".

Continua la crescita del Consorzio agrario del Nordest, e, parallelamente, la strategia di riduzione progressiva della posizione finanziaria: in riduzione nel triennio di circa 30 milioni di euro e nell'ultimo decennio (ovvero dal 2008 ad oggi, considerando pertanto l'incorporazione del Consorzio agrario di Padova e Venezia avvenuta nel 2013) di circa 100 milioni di euro. Un lavoro molto significativo, basato su miglioramento gestionale da una parte e scelte strategiche di carattere commerciale dall'altra, in un contesto di mercato non certo favorevole; gli ultimi anni si sono contraddistinti infatti per i livelli di prezzi estremamente bassi per quanto riguarda cereali e protoleaginose, e per le consistenti riduzioni di consumi di mezzi tecnici. Questo tuttavia non ha impedito al Consorzio agrario del Nordest di accrescere le proprie quote di mercato nei settori in cui è attivo: basti solo citare il risultato del settore zootecnico che ha visto incrementare la propria produzione di mangimi di circa un terzo negli ultimi tre anni, attestandosi a più di tre milioni di quintali-anno lavorati.
 

Il Consiglio di amministrazione 2019-2021

Questi i consiglieri: Ettore Prandini, Martino Cerantola, Carlo Salvan, Giovanni Dal Toso, Andrea Pegoraro, Franca Castellani, Paolo Carra, Giampietro Berno, Luca Faccioni, Giorgio Piazza, Alessandro Sinigaglia, Luigino De Togni, Mario Boni, Federico Dianin, Tiziana Favaretto, Claudio Lombardini, Davide Ronca, Sebastiano Cassandro, Fabio Mantovani, Paolo Galante, Giorgio Marconi, Diego Masaro, Patrizio Garbin, Paolo Benatti, Massimo Marcolini, Giorgio Vicentini, Alessandro Stecca, Angelo De Pieri, Alberto De Togni, Umberto Parodi, Mauro Mantovani.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.510 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner