Emilia Romagna, al via il pagamento Pac 2016

Sarà erogato da Agrea il 70% dell'intero contributo sotto forma di anticipo: 200 milioni di euro per circa 35mila agricoltori. A novembre in arrivo anche alcune liquidazioni relative ai Psr

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

soldi-monete-euro-banconote-by-lukas-gojda-fotolia-750.jpeg

200 milioni di euro in arrivo agli agricoltori emiliano-romagnoli come anticipo Pac 2016
Fonte foto: © Lukas Gojda - Fotolia

Parte il pagamento dell’anticipo del 70% in Emilia Romagna relativo alla domanda unica 2016, nell’ambito della Pac. Sarà Agrea, l’agenzia regionale per i pagamenti in agricoltura, ad erogare ai 35mila imprenditori agricoli regionali oltre 200 milioni di euro di contributi. I pagamenti, autorizzati dalla Commissione di Bruxelles, riguardano il premio base, il “greening” e i giovani.

Siamo tra le prime Regioni a partire con i pagamenti – sottolinea soddisfatta l’assessore regionale all’Agricoltura Simona CaselliIn questa fase conclusiva dell’annata agraria questi contributi sono un’importante boccata d’ossigeno per le tante imprese beneficiarie”.

Il pagamento ai “piccoli agricoltori”, quello per importi fino a 1250 euro, sarà invece effettuato in un’unica soluzione a saldo a partire dal prossimo mese di dicembre. Inoltre, per quanto riguarda i Psr, Agrea, ai primi di novembre, inizierà ad erogare anche gli anticipi relativi ai “trascinamenti” dei pagamenti agroambientali delle passate programmazioni. Verso metà novembre sarà poi la volta dei pagamenti agro-climatico-ambientali e il biologico relativo al Psr 2014-2020. Infine, Agrea intende far partire entro la fine di novembre anche il pagamento dell’anticipo delle indennità compensative per le aree svantaggiate di montagna e collina.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.950 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner