Vinitaly chiama e la Lombardia risponde

Imponenti i numeri del Padiglione Lombardia, presentato ieri al Pirellone: 8.500 metri quadrati, 200 produttori e più di 1.000 etichette in degustazione

Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

vino-bicchieri-bianco-rosso.jpg

La Regione Lombardia si presenta a Vinitaly forte dei risultati ottenuti dal suo export: +11,6% nel 2013

Con più di 200 espositori, anche quest’anno la viticoltura lombarda si conferma tra i principali protagonisti della 48a edizione di Vinitaly (Verona, 6 - 9 aprile).
La collettiva di aziende della Lombardia arriva a Verona, forte dei risultati di un export cresciuto nel 2013 dell’11,6% e di una vendemmia record in qualità, con quasi l’89% dei vini prodotti a denominazione Docg, Doc o Igt (1,30 su 1,46 milioni di ettolitri).

Il Padiglione Lombardia, ospitato come di consueto al secondo piano del Palaexpo, è stato presentato ieri 1 aprile a Milano nella sede della Regione Lombardia dal presidente della Regione Roberto Maroni, dall’assessore regionale all’Agricoltura, Gianni Fava, e dal presidente di Uniocamere Lombardia, Francesco Bettoni. Con loro anche il presidente e il direttore generale di Veronafiere, Ettore Riello e Giovanni Mantovani.

Il Padiglione Lombardia, con 8.500 metri quadrati, 200 produttori e più di 1.000 etichette in degustazione, rappresenta una vera e propria “casa” per i consorzi e vini lombardi grazie alla stretta collaborazione tra Regione, sistema camerale e 11 consorzi di tutela.

"La qualità della Lombardia è notevolmente cresciuta negli ultimi 20 anni – ha sottolineato l’assessore Fava – La sfida dei viticoltori lombardi sarà quella di crescere ulteriormente sul fronte dell’export, aumentato dell’11,6% nel 2013, rispetto alla media italiana del 7 per cento".

Sul fronte dell’export, i dati elaborati da Unioncamere Lombardia su base Istat evidenziano Stati Uniti, Germania, Svizzera, Canada e Giappone quali mercati di sbocco consolidati, mentre tra gli emergenti spicca la crescita di Qatar (+268,6%), Nuova Zelanda (+124,1%), Messico (+59,6%), Corea del Sud (+54,2%) ed Emirati Arabi Uniti (+53,3%).

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.667 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner