Boccata d'ossigeno per gli allevatori

31 milioni stanziati a sostegno del reddito degli allevatori. Martina: "Prosegue l'impegno del Governo nel rilancio della zootecnia"

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

bovini-mucche-vacche-allevamento-by-wolfavni-fotolia-750.jpeg

Nel primo trimestre del 2017 le aziende potranno accedere agli aiuti previsti
Fonte foto: © wolfavni - Fotolia

Sono 31 i milioni di euro stanziati a favore del settore zootecnico, attraverso l'utilizzo di 21 milioni di euro provenienti dall'ultimo intervento europeo per contrastare la crisi del latte e ulteriori 10 milioni di risorse nazionali. Ad annunciarlo il ministro Maurizio Martina intervenuto alla Fiera del bovino da latte a Cremona.

"Prosegue l'impegno del Governo a tutela degli allevatori - ha dichiarato Martina - e per il rilancio della zootecnia. Sono state definite con anticipo rispetto alla scadenza di novembre le misure sulle quali l'Italia ha deciso di investire. Interveniamo a favore delle 19mila aziende lattiere di montagna, riconoscendo la loro funzione che va ben al di là della semplice produzione economica.
Abbiamo stabilito un aiuto doppio per le imprese delle aree colpite dal sisma che si aggiunge a quanto già fissato col decreto terremoto"
.

"Ci sono anche misure per la suinicoltura e per il latte ovino, che completano il quadro di questo intervento. Stiamo affrontando una fase con alcuni segnali positivi, ma che vanno rafforzati dopo un passaggio stretto per le imprese.
Nella legge di bilancio
- continua il ministro - stiamo lavorando per la conferma della compensazione Iva sulle carni come lo scorso anno e abbiamo previsto una forte semplificazione dell'accesso al Fondo latte, estendendolo anche al settore suinicolo.
Dal primo gennaio, poi, sarà obbligatoria l'indicazione dell'origine della materia prima in etichetta per latte, formaggi e yogurt. Un'occasione importante per un concreto sostegno a tutta la filiera di produzione lattiero casearia nazionale, un tassello strategico per dare una mano soprattutto ai nostri allevatori"
.

Le azioni:
Allevamenti di bovini da latte in montagna
14 milioni di euro vengono destinati alle aziende delle zone montane con un contributo per circa 500mila capi.
Per gli allevamenti delle aree colpite dal terremoto del 24 agosto l'aiuto è raddoppiato.

Sunicioltura
Per il sostegno della suinicoltura vengono previsti 10 milioni di euro, focalizzando l'azione sul miglioramento del benessere animale e sui piccoli allevamenti.
In particolare si prevede un aiuto sulle scrofe per aumentare il periodo di lattazione da tre a quattro settimane. Per le aziende con meno di mille scrofe è previsto un incremento del 25% del premio. 

Ovini
Attenzione anche per il settore degli ovini, con l'obiettivo di far crescere la qualità del latte con un aiuto riconosciuto a circa 10 milioni di litri, ovvero un quarto della produzione nazionale.

I dettagli tecnici ed operativi delle misure verranno definiti entro novembre e nel primo trimestre del 2017 le aziende potranno accedere agli aiuti previsti.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.325 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner