Agricoltura integrata e uso sostenibile dei fitofarmaci

Il convegno si terrà giovedì 22 novembre, ore 9.00, all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza che organizza l'evento insieme al Ccpb

Questo articolo è stato pubblicato oltre 7 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

convegno-agricoltura-integrata-ccpb-novembre-22-2012.jpg

Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza. Giovedì 22 novembre 2012

L'agricoltura integrata sarà al centro della giornata organizzata dal Ccpb Srl e l'Istituto di entomolgia e patologia vegetale dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza. Focus del convegno, che si terrà giovedì 22 novembre alle 9.30 nella sala convegni dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, sarà come le nuove disposizioni sull'utilizzo dei fitofarmaci possono coniugarsi con la sostenibilità ambientale.
 

All'appuntamento, che si ripete da oltre dieci anni sarà fatto un bilancio del settore e si incontreranno tutti gli operatori. Lino Nori, presidente del Consorzio il Biologico, e Pietro Cravedi, direttore dell'Istituto di entomologia e patologia vegetale, sottolineano come “il metodo della produzione integrata vanta ormai un’esperienza produttiva più che trentennale che merita una maggiore considerazione sia in ambito produttivo, che più direttamente commerciale. Proprio nel corso delle passate edizioni abbiamo seguito sempre con attenzione l’evoluzione del Sistema qualità nazionale della produzione integrata, Sqnpi”.

La prospettiva è quella di un futuro a maggiore sostenibilità ambientale, tanto più ora che “i criteri alla base della difesa integrata saranno obbligatori a partire dal prossimo gennaio 2014, da questa data – continuano Nori e Cravedi - si potrà quindi utilizzare lo strumento della produzione integrata per meglio valorizzare i nostri prodotti e l’esperienza maturata negli scorsi decenni da tutto il sistema produttivo e dai servizi connessi”.
 

In quest'ottica Ccpb Srl offre “Impatto ambientale verificato”, uno strumento di certificazione specifico per la valutazione degli impatti ambientali, e quindi della sostenibilità. Uno servizio specifico basato sul metodo Lca, Life cycle assessment, e definito in collaborazione con i più importanti enti e istituzioni scientifiche nazionali del settore.
 

Tra gli ospiti della giornata Gabriele Canali dell'Università di Piacenza descriverà gli scenari della sostenibilità per l'agroalimentare, Floriano Mazzini e Tiziano Galassi del Servizio fitosanitario regionale dell'Emilia Romagna esporranno le ultime novità sul recepimento della direttiva comunitaria sui fitofarmaci, Fabio Osti, Stefano Di Marco, Nicola Di Virgilio e Federica Rossi del Cnr – Ibimet illustreranno i legami e le convergenze tra sostenibilità ambientale e agricoltura integrata, mentre Fabrizio Piva e Giuseppe Garcea di Ccpb Srl si concentreranno sul supporto che la certificazione della sostenibilità può offrire all’integrato.

A seguire Lorenzo Tosi, giornalista del Gruppo Edagricole - Sole 24 Ore, modererà una tavola rotonda a cui parteciperanno Giampiero Reggidori Apo Conerpo, Enrico Barone Conserve Italia, Marco Rosso Agrofarma, Andrea Braggio Ibma Italia, Roberta De Natale Auchan-Simply, Maurizio Brasina Coop Italia, Luca Magnani Esselunga. Le conclusioni saranno poi affidate a Giuseppe Blasi, capo dipartimento delle Politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale del Mipaaf.



Scarica il programma in formato pdf




 

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.481 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner