I tre moschettieri Fendt a Verona

Presente a Fieragricola 2014 con la gamma di specializzati 200 Vario V, F e P

Michela Lugli di Michela Lugli

Info aziende
Questo articolo è stato pubblicato oltre 5 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

200f-sp-bluete.jpg

Gamma 200 Vario V, F, P in passerella a Fieragricola
Fonte foto: Fendt

Immancabile il brand made in Germany del gruppo Agco, esporrà l'intera serie Fendt 200 Vario di specializzati per vigneto e frutteto nel padiglione 4 - stand B7 e nell'area dimostrativa di Fieragricolail prossimo 6 febbraio 

Una riconferma per una macchina all'avanguardia, dall'elevato standard tecnologico che non dimentica l'importanza del comfort nelle lunghe giornate di lavoro.


Vario 200 V in versione aperta
 
In passerella tutte e tre le versioni disponibili, dal tradizionale vigneto stretto V da 1,50 a 2,20 metri di larghezza o con assale anteriore largo per vigneti da 1,80 a 2,50 metri di larghezza, all'intermedio F per ampie coltivazioni con interfila da 1,90 a 3,00 metri, entrambi caratterizzati da un range di potenze tra 70 e 110 cavalli.
Naturalmente presente anche la versione P, il trattore largo per la coltivazione del luppolo e la frutticoltura, disponibile con potenze da 90 a 110 cavalli cui va aggiunta, infine, la verisone aperta con telaio di sicurezza.

L'impronta del Vario
Carattere distintivo per la categoria è indubbiamente la tecnologia Vario tipica delle macchine di potenza superiore e qui adattata agli spazi ristretti di uno specializzato. La presenza della variazione continua permette, con il solo impiego del joystick,  di mantenere la velocità ottimale in un range compreso tra 20 metri all'ora e 40 chilometri orari in continuità e senza strappi.

Joystick multifunzione versione Profi
 
Studiato su misura, anche il motore Agco Power tre cilindri, compatto a gestione elettronica e iniezione Common Rail indipendente dal numero di giri, integrata con il sistema AGRex di riciclo esterno dei gas di scarico. Il sistema di raffreddamento unito al dosaggio preciso dei gas combusti, genera una combustione ottimale e se paragonato a un semplice riciclo interno, permette di agire positivamente sul consumo di carburante.
La presenza del sistema TMS - Tractor Management System di controllo elettronico di motore e cambio, permette al motore di funzionare sempre nel regime economico ottimale; quando viene attivata la funzione, l'operatore dovrà occuparsi solo di determinare la velocità di lavoro, il resto viene gestito dal TMS.
 

Modalità di funzionamento del TMS
 
In pratica, il trattore opera a regime ridotto su terreno pianeggiante, giunto in salita in presenza di maggiore sforzo richiesto, il sistema TMS aumenta i giri del motore e cambia il rapporto di trasmissione. Quando si affronta la discesa o si torna in piano, la quantità di carburante viene di nuovo ridotta

L'impianto di raffreddamento, che grazie al filtro dell'aria con prefiltro a ciclone richiede una ridotta manutenzione, è dotato di ampie superfici di aspirazione per una minore contaminazione del radiatore.

L'impianto idraulico Load Sensing con pompe assiali a pistoni da 76 litri al minuto può arrivare, con supplemento idraulico a portata variabile, fino a 106 litri al minuto. Le attrezzature esterne dispongono di una portata fino a 25 litri al minuto.
 

Impianto idraulico

La gestione separata del cambio e dell'impianto idraulico consente l'uso di olio biologico anche per quest'ultimo; nella versione Profi, sono di serie quattro distributori a doppio effetto a comando elettronico aumentabili su richiesta fino a sei comandati dalla leva a croce, dai moduli lineari e dal joystick multifunzione che rendono superflue ulteriori centraline.

A tutto comfort
Assicurano il massimo comfort di lavoro, la struttura dell'assale anteriore, l'ammortizzatore anteriore autolivellante, i doppi giunti cardanici e i riduttori epicicloidali particolarmente robusti. 
Ai due freni a dischetti multipli posteriori, si associano l'innesto della doppia trazione su quelli anteriori e i bloccaggi dei differenziali per il massimo comfort in frenata.
 

Cabina 200 Vario

La cabina piattaformata, grazie allo spostamento di una parte della trasmissione Vario nell'assale posteriore, è priva dell'ingombrante tunnel del cambio.
L'unità di comando centrale è concentrata sul bracciolo integrato posto sul lato destro del guidatore 

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Fendt

Autore:

Tag: frutticoltura viticoltura macchine agricole fieragricola trattori

Speciale: Fieragricola 2014

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.510 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner