Grandi numeri per Agrilevante

In crescita gli espositori della rassegna internazionale delle macchine e delle tecnologie per l'agricoltura delle aree mediterranee. Bari, 13/16 ottobre 2011

Questo articolo è stato pubblicato oltre 8 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Agrilevante-2011.jpg

Agrilevante 2011, Bari 13

Grandi numeri e contenuti d'alto livello per l'edizione 2011 di Agrilevante, rassegna internazionale delle macchine, degli impianti e delle tecnologie per l'agricoltura che si terrà alla Fiera di Bari dal 13 al 16 ottobre prossimi.
Organizzata da Unacoma Service e dalla Fiera del Levante, la rassegna raggiungerà quest'anno i 45 mila metri quadrati (30 mila al coperto e 15 mila nelle aree esterne,) con un numero di 230 espositori - in crescita rispetto ai circa 200 dell'edizione 2009 – e un totale di 5 mila modelli esposti tra macchine, attrezzature e componenti.

Un risultato di valore per una manifestazione focalizzata sulle produzioni e sulle esigenze agricole specifiche dell'area mediterranea. Elevato sarà il livello tecnologico, per la partecipazione delle maggiori industrie costruttrici di macchine e attrezzature, e per lo spazio riservato all'innovazione tecnologica con il concorso 'Novità tecniche' che premierà le soluzioni più avanzate tra quelle presentate in anteprima dalle aziende espositrici.

La rassegna punta ad offrire tecnologie per le intere filiere produttive, quelle cerealicola, energetica, delle colture non-food, vitivinicola–enologica, ortofrutticola e olivicolo-olearia, e offre la novità del 'Mia', il Salone specializzato per l'agricoltura multifunzionale.

La tipologia di macchine più rappresentata sarà quella delle trattrici che impegneranno il 23% della superficie espositiva complessiva, seguite dalle macchine per la lavorazione del terreno (18% della superficie), dalle macchine per l'olivicoltura e le colture specializzate (14%) da quelle per la raccolta (13%), per l'irrigazione (6%), il giardinaggio e i piccoli attrezzi motorizzati a mano (6%), la componentistica (4%).

La rassegna si prepara ad accogliere una vasta platea di agricoltori, contoterzisti e operatori economici (oltre 33 mila i visitatori nell'edizione 2009), provenienti dalle regioni del Mezzogiorno, dai Paesi dell'area balcanica, del Medioriente e dell'Africa settentrionale.

"La caratterizzazione internazionale della rassegna è un elemento molto qualificante – spiega Guglielmo Gandino, amministratore delegato di Unacoma Service e stiamo lavorando intensamente perché venga pienamente confermata anche nell'edizione di quest'anno, malgrado il quadro politico sia ancora incerto in alcuni Paesi con conseguenze evidenti sul piano organizzativo e del business".

"Rispetto alla situazione della primavera scorsa, quando abbiamo dovuto annullare la nostra fiera Eima Gulf di Abu Dhabi a causa delle crisi politiche e militari che erano esplose in molti Paesi del mediterraneo e nella stessa penisola arabica – aggiunge Gandinola situazione appare complessivamente migliore, e confidiamo che molti operatori di questi Paesi possano essere presenti a Bari anche come segno di un progressivo ritorno alla pace e allo sviluppo economico".

La crescita del settore primario e soprattutto i modelli di gestione delle imprese agricole delle aree mediterranee sono, del resto, il tema di fondo della rassegna di Agrilevante, che propone un calendario di convegni e incontri anche di carattere tecnico-economico. Fra questi si segnalano il convegno promosso dall'Unacoma in collaborazione con l'Università di Bari sul tema 'Le olivicolture del Mezzogiorno - Stato dell'arte e prospettive', e gli incontri dedicati alla gestione economica delle filiere e agli strumenti finanziari per il potenziamento delle aziende agricole.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 195.854 persone iscritte!