Psr Marche, il bando contro il dissesto idrogeologico

A disposizione oltre 19 milioni di euro resi disponibili su varie sottomisure per realizzare progetti da parte dei partecipanti ed accordi agroambientali di area. Scadenza il 14 settembre, all'interno il link al bando

sistemazioni-idrauliche-terreno-by-sutili-wikipedia-jpg.jpg

Dissesto idrogeologico, nelle Marche un bando per realizzare opere che lo riducano
Fonte foto: Sutili - Wikipedia

E' ancora aperto nelle Marche il bando per finanziare interventi di messa in sicurezza e opere di protezione dai rischi legati al dissesto idrogeologico.

Il bando attiva varie sottomisure del Psr per un totale di 19.482.632,24 euro così ripartiti:
  • 123.400,00 euro, sottomisura 1.1.A per la formazione degli agricoltori e degli operatori del settore;
  • 132.000,00 euro, sottomisura 1.2.B per azioni informative sulle problematiche ambientali;
  • 2.693.962,22 euro, sottomisura 4.3.1A per la viabilità rurale e forestale;
  • 1.463.305,00 euro, sottomisura 4.4.B per investimenti non produttivi;
  • 8.787.675,82 euro, sottomisura 5.1A per interventi per prevenire il rischio idrogeologico;
  • 1.777.680,00 euro, sottomisura 8.2A per l'impianto e il mantenimento di sistemi forestali;
  • 900.000,00 euro, sottomisura 8.3. A2 per interventi mirati a mitigare il rischio idrogeologico;
  • 991.869,00 euro, sottomisura 10.1 B A2 per i margini erbosi multifunzionali;
  • 2.612.740,20 euro, sottomisura 16.5 A1 per la tutela del suolo.
Al bando possono partecipare enti pubblici, aziende e altri soggetti privati che abbiano sottoscritto un accordo agroambientale d'area, accordi formalizzati che hanno lo scopo di coinvolgere intorno ad una specifica problematica di carattere ambientale, vari soggetti pubblici e privati per realizzare un progetto territoriale condiviso.

I soggetti che avranno stipulato un accordo agroambientale di area, dovranno individuare un soggetto capofila e presentare un progetto su cui richiedere i finanziamenti che può comprendere varie sottomisure tra quelle aperte.

Ogni progetto potrà ricevere un finanziamento massimo di 1,4 milioni di euro per tutte le sottomisure attivate.

I progetti verranno valutati in base alla loro qualità legata al tipo di interventi e strategie proposte, alle dimensioni territoriali e al livello di partecipazione dei vari soggetti coinvolti nell'accordo agroambientale d'area.

I finanziamenti variano a seconda della sottomisura su cui si richiedono e deve essere fatto riferimento ai bandi specifici di ogni sottomisura.

Le domande, corredate di tutta la documentazione necessaria, devono essere inviate ad Agea tramite il portale Sian entro il 14 settembre 2021.

Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alla pagina ufficiale e al testo completo del bando.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 266.217 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner