Toscana, i Gal e l'avanzamento del programma Leader

La regione fa il punto sullo stato di avanzamento del progetto europeo che finanzia i Gruppi di azione locale e che al momento vede una disponibilità di oltre 48,7 milioni, con oltre 1.100 richieste di finanziamento presentate

vigneto-toscana-paesaggio-by-luca-casartelli-wikimedia-jpg.jpg

Gruppi di azione locale, la Toscana fa il punto sullo stato di avanzamento dei progetti
Fonte foto: Luca Casartelli - Wikipedia

Il programma Leader è una iniziativa comunitaria, partita nel 1991, finanziata dai fondi strutturali dell'Unione europea con l'obiettivo di migliorare il potenziale di sviluppo delle zone rurali attraverso un approccio di programmazione 'dal basso verso l'alto', in grado di rispettare le peculiarità locali e coinvolgere le comunità.

Una programmazione che si basa su uno sviluppo locale di tipo partecipativo sostenuto da fondi europei e gestito dai Gruppi di azione locale, i Gal, partenariati pubblico-privati composti da rappresentanti degli interessi socio-economici locali sia pubblici che privati.

In Toscana il programma Leader è stato attuato sin dalla sua prima fase di programmazione e nel tempo si sono consolidati i sette ambiti territoriali dei Gal.

I principali compiti dei Gal sono la preparazione e pubblicazione dei bandi per la presentazione di progetti, compresa la definizione dei criteri di selezione, la ricezione e valutazione delle richieste di sostegno, la selezione delle operazioni e la definizione dell'importo del sostegno.

In Toscana la dotazione finanziaria del programma Leader era inizialmente di 58 milioni di euro, che sono stati ridotti a 57.103.960,90 euro con il cosiddetto 'storno di solidarietà' per realizzare un fondo a favore delle regioni colpite dal terremoto del 2016-2017.

Di questa dotazione, al netto delle spese per i costi di gestione, al momento i Gal hanno a disposizione 45.253.249,90 euro da destinare ai bandi sul territorio, così suddivisi nei sette Gal attivi in regione:
  • Gal MontagnAppennino che comprende comuni delle province di Pistoia e Lucca, con una disponibilità di 5.719.853,14 euro;
  • Gal Consorzio sviluppo Lunigiana, ricadente interamente su comuni della provincia di Massa Carrara, con a disposizione 3.441.651,81 euro;
  • Gal Etruria, costituito su comuni delle province di Livorno e Pisa, a cui è stata assegnata una quota di 5.403.008,54 euro;
  • Gal Consorzio Appennino Aretino, attivo su comuni della provincia di Arezzo, con a disposizione 8.610.832,77 euro;
  • Gal Far Maremma, che comprende vari comuni della provincia di Grosseto, con 8.343.086,88 euro;
  • Gal Start, ricadente su comuni delle province di Firenze e Prato, con una dotazione di 7.175.082,59 euro;
  • Gal Leader Siena, costituito in vari comuni della provincia di Siena, con a disposizione 6.559.734,18 euro.

A questi fondi andranno aggiunti ulteriori 3.480.000 euro di fondi accantonati, per un totale complessivo disponibile di 48.733.249,90 euro.

Riguardo l'avanzamento del progetto, al 30 settembre di quest'anno, i Gal hanno pubblicato 49 bandi, equivalenti all'80,32% dei fondi a disposizione, corrispondenti a 36.348.234,04 euro.

In tutto sono state presentate 1.108 domande per un importo di 60.359.847,58 euro e di queste 1.108 domande 270 sono in fase istruttoria, mentre 284 contratti sono già stati stipulati e 54 sono in fase di stipula.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.709 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner