Cevico, nuova cantina a Coriano per i "Colli Romagnoli"

Inaugurata la struttura che prevede, oltre agli impianti per la vinificazione, anche un punto vendita e una sala di degustazione. Investimento da 1 milione di euro cofinanziato con l'Ocm vino

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

inaugurazione-cantina-coriano-fonte-emilia-romagna.jpg

Il taglio del nastro per l'inaugurazione della nuova cantina di Coriano dei Colli Romagnoli
Fonte foto: Regione Emilia Romagna

La Cantina "Colli Romagnoli" del Gruppo Cevico ha inaugurato un nuovo centro a Coriano con cantina, punto vendita e sala degustazione, con un investimento di oltre 1 milione di euro, di cui 400mila di contributi europei, attraverso la misura 7 dell'Ocm vino 2017. La cantina associa 1.200 imprese viticole per un totale di quasi 2.500 ettari di vigneto e comprende oltre a Coriano, anche le cantine di Imola, Faenza, Casola Valsenio e Savignano sul Rubicone.

Il nuovo sito di Coriano produce circa 120mila ettolitri che sono distribuiti sul mercato nazionale ed estero con il marchio della società, controllata dal Gruppo Cevico, le Rocche Malatestiane Rimini. Proprio qui, nel riminese, sono presenti circa 500 soci, alla base di un progetto che punta a incrementare, grazie alla possibilità di ricevere clienti ed enoturisti italiani ed esteri, lo sviluppo di un turismo di qualità, attento agli aspetti storico-culturali, paesaggistici e gastronomici, con positive ricadute su molteplici attività.

"E' un altro importante tassello del turismo enogastronomico di qualità - ha sottolineato il presidente della regione Stefano Bonaccini - ciò testimonia la forza del territorio e delle capacità dei soci cooperatori di fare squadra. La nuova struttura garantisce standard di qualità e sicurezza dei vini sempre più elevati. Questo progetto dà prova ancora una volta dell'efficacia di un modello organizzativo legato alla capacità dei nostri produttori di lavorare su obiettivi comuni per conquistare nuovi traguardi, anche rispetto ai mercati internazionali Ue ed extra europei e di innovare nel rispetto delle tradizioni".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.698 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner