Psr Umbria, incontro con Agea per sbloccare i pagamenti

Si è tenuta nei giorni scorsi a Roma una riunione tra i rappresentati politici e agricoli della regione e l'ente pagatore per dare risposte agli agricoltori e procedere speditamente con l'avanzamento del Programma di sviluppo rurale

Questo articolo è stato pubblicato oltre 2 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

banconote-soldi-euro-by-wolfilser-fotolia-750.jpeg

Ritardi pagamenti Psr. Un incontro tra Umbria e Agea per affrontare la situazione
Fonte foto: © Wolfilser - Fotolia

Si è tenuto nei giorni scorsi a Roma un incontro tra la Regione Umbria, con il suo tavolo verde, e i vertici di Agea, l'organismo pagatore per il Psr per fare il punto sulla problematica dei ritardi nella erogazione dei contributi e accelerarne i pagamenti.

Così l'assessore all'Agricoltura Fernanda Cecchini con lo staff tecnico regionale, i rappresentanti di Coldiretti, Cia, Confagricoltura, di Lega cooperative, dei produttori biologici e dei Caa, hanno incontrato il direttore generale Gabriele Pagliardini e il dirigente dell'ufficio pagatore Federico Steidl di Agea, con i loro tecnici.

Un problema importante quello dei ritardi dei pagamenti, in una regione, come l'Umbria che è la seconda a livello nazionale per lo stato di avanzamento del Psr con circa 155 milioni già pagati, circa il 18% dell'intera dotazione.

Una serie di ritardi che, come spiega Fernanda Cecchini è avvenuto anche perché l'Umbria ha avviato l'attuazione delle misure più importanti, sia per investimento sia per premi a superficie, senza attendere la definizione delle nuove procedure informatiche da parte dell'organismo pagatore nazionale Agea.

Mentre a tutt'oggi Agea non ha ancora completato il lavoro per rendere ordinaria la presentazione delle domande, la loro istruttoria e il loro pagamento da parte dello stesso organismo pagatore.

Da parte sua Agea ha illustrato le difficoltà oggettive e quelle contingenti che ancora impediscono di completare i processi di definizione operativa delle procedure di pagamento, compresa la fase di transizione tra la programmazione 2007-2013 e quella 2014-2020, cui si aggiunge il non ancora concluso processo di appalto dei servizi tecnici ed informatici per la nuova fase.

Si è poi passati ad esaminare, punto per punto, le questioni aperte più rilevanti. In particolare, per quanto attiene la misura 13 relativa alle indennità compensative è stato valutato fattibile entro l'anno sia il pagamento degli anticipi 2017 sia il completamento dei pagamenti relativi alle annualità precedenti.

Più complessa la situazione per le misure agroambiente e biologico per le quali Agea ha assicurato l'impegno per rendere possibile entro l'anno il completamento dei pagamenti degli anni precedenti, prevedendo i pagamenti degli anticipi 2017 ad inizio 2018.

Per quanto riguarda le misure strutturali, come il sostegno agli investimenti delle imprese agricole ed agroalimentari e l'insediamento dei giovani agricoltori, si provvederà con le procedure provvisorie a pagare le istanze via via maturate fino a quando, prevedibilmente a novembre, sarà disponibile il servizio informatico necessario per le procedure definitive.

Inoltre, entro fine ottobre, secondo quanto riferito da Agea, dovrebbe essere disponibile la procedura per le domande di sostegno dei Gal, i Gruppi di azione locale, che consentiranno il pieno decollo dei Programmi Leader.

Ora, come ha commentato l'assessore Cecchini, tutti gli impegni assunti da Agea saranno monitorati costantemente dal punto di vista tecnico e sarà oggetto di ulteriori valutazioni congiunte dei partecipanti al tavolo di ieri.

Infatti, come ha detto in chiusura l'assessore, ci sarà un nuovo incontro a metà ottobre, questa volta in Umbria, per fare il punto sui progressi raggiunti e sulle difficoltà ancora da superare per arrivare ad inizio 2018 ad una situazione di procedure ordinarie e di celerità dei pagamenti.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 207.316 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner