Enoturismo: una legge per mettere ordine

Il convegno organizzato da Movimento turismo vino è in programma il 6 dicembre a Veronafiere, nell'ambito di wine2wine

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

wine2wine-fonte-mtv.jpg

Verona, 6 dicembre 2016

La regolamentazione del turismo del vino sarà protagonista a wine2wine con il convegno di Movimento turismo vino, "Enoturismo: una legge per mettere ordine", in programma a Veronafiere il 6 dicembre alle 16.30. A fare il punto sul tema, alla luce dell’approvazione definitiva del Testo unico del Vino, il presidente del Movimento turismo del vino Italia, Carlo Pietrasanta, Colomba Mongiello, il presidente dell’Unione italiana vini, Antonio Rallo e il responsabile delle relazioni istituzionali del Movimento turismo del vino Italia, Maurizio Pescari.

Con il Testo unico del vino – ha detto il presidente Pietrasanta - il concetto di enoturismo ha ottenuto un riconoscimento che però non è sufficiente sul piano fiscale. Questa norma taglia-burocrazia, infatti, da una parte rappresenta un passo avanti per il settore, dall’altra non fornisce una risposta esaustiva per un fenomeno che, con i suoi 2,5 miliardi di euro di fatturato e 13 milioni di arrivi in cantina, riveste un ruolo chiave per l’economia italiana e il turismo made in Italy. Ora è più che mai urgente lavorare ad un Testo unico dell’enoturismo”.

Il turismo del vino rappresenta un asset strategico per lo sviluppo della nostra vitivinicoltura - ha osservato Antonio Rallo, presidente di Unione italiana vini - che oggi ha bisogno di un nuovo quadro di riferimento normativo in grado di supportarne lo sviluppo con regole adeguate. Dopo il grande lavoro portato avanti con successo sul Testo unico del vino sono convinto che abbiamo costruito tutte le premesse di carattere politico e istituzionale per favorire un percorso più snello per la condivisione di una normativa dedicata al turismo del vino, oggi richiesta da tutte le nostre imprese”.

Per informazioni clicca QUI

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.475 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner