Sardegna, la siccità minaccia l'agricoltura della Gallura

L'Anbi chiede risorse al Governo per consentire agli enti di bonifica di portare avanti gli investimenti programmati per aggiornare bacini e schemi idrici

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

siccita-mrmac04-morguefile.jpg

Agricoltura a rischio in Gallura a causa della siccità
Fonte foto: © Mrmac04 - Morguefile

In Sardegna permane grave la situazione idrica della Gallura, dove il previsto incremento di quasi il 20% nel turismo sta mettendo in ginocchio il settore primario sia nella componente agricola che zootecnica. Questo perchè la diga del Liscia, oltre 100  milioni di metri cubi di capacità e colma solo a metà, è un bacino ad uso promiscuo e pertanto la precedenza nella fornitura di acqua sarà assegnata alle utenze idropotabili.

La denuncia viene da Francesco Vincenzi, presidente dell'Associazione nazionale dei consorzi di gestione e tutela del territorio e delle acque irrigue, che chiede al Governo di sbloccare i 300 milioni del Piano irriguo nazionale. Nel resto del Sud peninsulare situazione sotto controllo, anche se con importanti bacini che in molti casi non raggiungono la linea di massimo invaso.
 
“E’ il paradosso della mancanza di programmazione - commenta Vincenzi - A causare la carenza d’acqua, che sta fortemente penalizzando l’irrigazione indispensabile per prodotti di qualità, è lo scarso apporto di piogge che oggi limita a circa 50 milioni di metri cubi l’acqua contenuta nel bacino del Liscia, cioè meno della metà della capacità dell’invaso. Un livello così basso, destinato prioritariamente all’uso umano, limita fortemente, se non addirittura impedisce, l’irrigazione con pesanti ripercussioni sul reddito delle imprese rurali”.
 

“La soluzione – indica il presidente dell'Anbi in sintonia con il locale Consorzio di bonifica della Galluranon può essere nel breve periodo, ma deve prevedere la creazione di un vero e proprio sistema del Liscia, creando le infrastrutture di collegamento per nuovi apporti dalla rete idrica minore al sistema irriguo consortile e realizzando anche una serie di bacini di accumulo medio piccoli per fungere da serbatoi supplementari nei momenti critici”.
 
Se la Gallura è in emergenza, anche il resto della Sardegna, però, soffre per una disponibilità d’acqua nei bacini, alla vigilia dei grandi afflussi turistici, praticamente dimezzata rispetto alla capacità degli invasi.
 
“Quanto accade in Sardegna – sottolinea Vincenzi – è l’ennesima dimostrazione della necessità di programmare lo sviluppo della rete irrigua nel Paese, indispensabile per produrre l’86% del made in Italy agrolimentare”.
 
Pur con situazioni differenziate è tutto il Sud, infatti, a vivere l’estate con qualche apprensione idrica, mentre paiono superati i timori di grande siccità, che aleggiavano durante l’inverno sulle Regioni centro settentrionali.
 
“L’avvio concreto di quanto previsto per i 300 milioni residui del Piano irriguo nazionale – conclude il presidente Anbi - testimonierebbe la volontà del Governo di dare risposta ad una questione che, oltre a limitare lo sviluppo economico del settore primario, crea insostenibili conflitti fra settori come, nel caso sardo, fra agricoltura e turismo”.

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Anbi

Autore:

Tag: irrigazione siccità acqua

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.624 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner