Olio, vola l'export di qualità europea con progetto Ue Mipaaf-Unaprol

Aumenta del 27% l'export di olio italiano in Francia

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

olio.jpg

Con un saldo positivo che sfiora i 45 milioni di euro nel primo semestre del 2010, pari a 145mila quintali che registrano un +27% rispetto allo stesso periodo del 2009, l’Italia si conferma secondo esportatore di olio extra vergine di oliva in Francia e partner privilegiato per il prodotto d’eccellenza

Sono i positivi risultati del secondo anno di attività della campagna di informazione e promozione Ue dell’olio extra vergine di oliva dal titolo: olio di oliva, qualità europea che Unaprol-Consorzio olivicolo italiano sta realizzando in Francia con il contributo di Unione europea e del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali e che contemporaneamente si sta svolgendo anche in Germania e Regno Unito.

Il progetto della qualità europea è stato presentato a Parigi da Unaprol durante il Sial il salone internazionale dell’agroalimentare nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte anche numerosi buyer e rappresentanti del sistema camerale italo-francese.

Dall’indagine Unaprol emerge che la Francia con poco più di quattromila tonnellate di prodotto locale rappresenta il quinto produttore della Ue dopo Spagna, Italia, Grecia e Portogallo. Importa mediamente oltre 100mila tonnellate all’anno di prodotto  per far fronte al proprio fabbisogno interno e di queste 100mila tonnellate circa il 30% di prodotto di alta qualità è importato direttamente dall’Italia.

Quasi la totalità del prodotto importato (95%), appartiene alla categoria extra vergine di oliva e il successo dell’olio extra vergine di oliva di alta qualità europea di origine italiana è giustificato principalmente dalla percezione dello stesso da parte della clientela locale come un prodotto di qualità caratterizzato da gusto ed aroma molto intensi.

Il sondaggio effettuato da Unaprol nei due anni precedenti in Francia ha evidenziato che tra i consumatori d’oltralpe i punti di forza del prodotto di qualità europea targato Unaprol sono nell’ordine: aroma e profumo; gusto e sapore, seguiti da qualità e origine del prodotto. 

Le azioni del programma di  informazione e promozione Ue di Unaprol e Mipaaf si svolgeranno per tutto il 2011 in Francia. Il programma si propone di stimolare il consumo  di extra vergine, intensificare e diversificare l'uso di olio extra vergine di oliva nella cucina; migliorare l'informazione dei consumatori su aspetti meno noti del prodotto e fidelizzare le fasce più giovani della popolazione. Il programma è rivolto principalmente a  responsabili degli acquisti puntando principalmente a coinvolgere la fascia di età compresa tra 20 e 40 anni; opinion maker e cioè: gastronomi, cuochi, ristoratori, giornalisti e stampa specializzata di gastronomia, con un attenzione particolare alle riviste femminili; stampa medica e paramedica; operatori della distribuzione. 

I principali canali di diffusione dei messaggi riguardano: promozione nei punti di vendita, dove vengono organizzate degustazioni guidate e proposte  nuove ricette. Viene diffuso materiale informativo, in ristoranti e gourmet. Intensa anche l’attività di relazioni pubbliche con i media  che sono puntualmente informati su eventi e iniziative  collegate al progetto. Completano il programma un nutrito calendario di partecipazione a fiere e saloni e  incoming di operatori per favorire relazioni commerciali più durature.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 277.175 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner