Ortofrutta, slitta l'esame di modifica agli aiuti alle Op

La Cia appoggia positivamente la decisione del commissario Ue all'agricoltura

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

frutta-e-verdura.jpg

Secondo quanto riferiscono fonti giornalistiche non sarà discusso oggi, come previsto, in comitato gestione il progetto della Direzione generale dell'agricoltura di modificare gli elementi per il calcolo degli aiuti alle organizzazioni di produttori ortofrutticoli dell'Unione europea.

Riguardo a questa notizia, soddisfazione è stata espressa dalla Cia - Confederazione italiana agricoltori per il rinvio, deciso dal neo-commissario europeo all'agricoltura Dacian Ciolos, della presentazione, in comitato di gestione, di alcune modifiche all'Ocm ortofrutta.

La Cia, si legge in un comunicato, ricorda che il progetto della Commissione di Bruxelles, volto alla modifica del calcolo degli aiuti alle Op - Organizzazioni dei produttori ortofrutticoli in base al valore della loro produzione commerciale, avrebbe penalizzato le Op che trasformano ortofrutticoli, stralciando dal loro fatturato il valore dell'ortofrutta soggetta a prima trasformazione.

Nella sostanza, una netta defalcazione degli aiuti da sempre percepiti dalle op anche per questa tipologia di prodotti. La volontà del nuovo commissario all'Agricoltura di prendere tempo per riflettere e discutere ancora tali problematiche con le parti interessate è un segnale importante di una nuova disponibilità della Commissione europea di confrontarsi con i produttori europei e, soprattutto in questo caso, con quelli mediterranei. Il massimo sostegno della Cia, quindi, alla battaglia del Copa, Comitato delle organizzazioni agricole Ue, e del Cogeca -Comitato delle cooperative agricole europee per tutelare al massimo gli aiuti dell'Ocm ortofrutta.

Fonte: Agrapress

Tag: ortofrutta

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 260.734 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner