RANGHINATORI 350/9TR E 420/11TR RIBALTABILI

Repossi sas - Speciale Eima International 2006
Repossi sas / Esclusivo sistema di ribaltamento idraulico che permette di effettuare il trasporto su strada senza rimuovere le forche

Questo articolo è stato pubblicato oltre 12 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

LogoRepossi_200.jpg

Speciale Eima 2006

I ranghinatori Repossi mod. 350/9TR e 420/11TR sono caratterizzati dall’esclusivo sistema di ribaltamento idraulico che permette di effettuare il trasporto su strada senza rimuovere le forche. In pochi secondi, dal trattore, si esegue la trasformazione per passare dalla posizione di lavoro a quella di trasporto e viceversa con grande risparmio di tempo.
Questi ranghinatori hanno un robusto rotore centrale a bagno d’olio con bracci portaforche con profilo a limone (come alberi cardanici), molle di raccolta in acciaio speciale patentato a garanzia di una notevole durata e di un’ottima elasticità che permettono di trattare delicatamente il foraggio anche con elevate velocità di avanzamento.
Le quattro ruote, montate su carrello tandem e posizionate in prossimità delle forche, consentono un perfetto adattamento alle asperità del terreno garantendo un piano di lavoro ottimale. Il diametro di lavoro è variabile: lo stesso ranghinatore, a seconda del tipo e della quantità di foraggio presenti nel campo, può essere configurato così da avere la larghezza di lavoro migliore per realizzare il lavoro.
Il ranghinatore mod. 350/9TR ha due possibili larghezze di lavoro (3.30 o 3.50 m) mentre il mod. 420/11TR ne ha tre (3.80 – 4.00 – 4.20 m). Il nuovo attacco a tre punti progettato per permettere di sollevare maggiormente il ranghinatore da terra rappresenta un notevole vantaggio per l’utilizzo in collina e in montagna.

Pad. 30 - Stand B/12

Per informazioni:
Repossi sas di Angelo Repossi e Figli
via V. Emanuele II, 40 - 27022 Casorate Primo (Pv) - Tel. 02 9056625 Fax 02 9051308 info@repossi.it www.repossi.it

Fonte: Agronotizie

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.485 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner