Toscana, gli aiuti per le sentinelle blue tongue

A disposizione 50mila euro per i contributi per ogni animale messo a disposizione del piano di sorveglianza sierologica nel 2020. Scadenza il 24 settembre, all'interno il link al bando

pecore-ovini-al-pascolo-by-alex-pin-adobe-stock-750x500.jpeg

Blue tongue, in Toscana il bando per gli aiuti a chi partecipa al piano di sorveglianza (Foto di archivio)
Fonte foto: © alex.pin - Adobe Stock

In Toscana è aperto il bando per richiedere i contributi per i capi di bestiame messi a disposizione per esser usati come sentinelle per la blue tongue.

Il bando è stato attivato sul progetto 6 del Defr, il Documento di economia e finanza regionale del 2021, con uno stanziamento totale di 50mila euro.

L'obiettivo è quello di aumentare la sicurezza e la sanità animale, favorendo la collaborazione tra aziende e servizi veterinari per i controlli e la messa in pratica del piano di sorveglianza sierologica previsto dal Ministero della salute per contrastare questa malattia.

Al bando possono partecipare come beneficiari e richiedere i contributi le aziende che allevano bovini, ovini, caprini e bufale che hanno messo a disposizione dell'autorità sanitaria un numero di capi adeguato alle esigenze del piano di sorveglianza, come stabilito dalle Asl di competenza per il 2020.

Il contributo infatti riguarda gli animali messi a disposizione nel 2020, ma possono essere ammesse anche le richieste di contributi per i capi messi a disposizione nel 2019 e 2018 là dove le domande non fossero state presentate o non fossero state finanziate.

Il contributo, erogato in regime de minimis, è di 8,33 euro al mese a capo, per ogni mese in cui l'animale è stato messo a disposizione delle autorità sanitarie, fino a un massimo di 100 euro a capo, quando sia stato lasciato a disposizione per tutto l'anno.

Nel caso in cui le risorse stanziate non fossero sufficienti a coprire tutte le domande di pagamento arrivate, i contributi saranno ridotti per poter offrire un aiuto, anche se minore, a tutti i richiedenti.

Le domande, insieme alla documentazione richiesta, devono essere inviate tramite il portale Artea utilizzando il modulo Id 355 entro le ore 24.00 del 24 settembre 2021.

Per maggiori informazioni e dettagli si rimanda alla pagina ufficiale dedicata e al testo completo del bando

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 264.303 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner