Grano duro e mais affondano il deficit della bilancia import-export 2019

Il forte calo degli arrivi di grano tenero non è riuscito a compensare il boom dell'import di mais e frumento duro. Record dell'export di pasta (1,9 milioni di tonnellate)

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

pasta-grano-agroalimentare-made-in-italy-by-denio109-fotolia-750.jpeg

La pasta è l'unica nota positiva dell'export made in Italy del settore cerealicolo nel 2019
Fonte foto: © denio109 - Fotolia

Anacer ha comunicato i dati relativi all'andamento commerciale dell'import ed export di cereali in tutto l'anno solare 2019. Sia l'import che l'export sono cresciuti a valore, ma le importazioni sono cresciute in proporzione di più, passando da un totale di 5551,9 milioni di euro a 5849,8 milioni, con una crescita netta di 298 milioni di euro.

Le esportazioni sono passate da 3420,7 a 3587,5 milioni di euro di fatturato, con un incremento in valore assoluto di 166,80 milioni. Il deficit della bilancia commerciale è quindi aumentato di 131,2 milioni di euro, passando dai 2131,2 milioni del 2018 ai 2262,4 milioni di euro del 2019, con un aumento percentuale tendenziale del 6,1%.

Analizzando complessivamente i dati relativi alle importazioni, il vero boom degli arrivi ha riguardato il grano duro (+667mila tonnellate) e mais (+639mila tonnellate), oltre a una piccola quota di altri cereali minori (+27.500 tonnellate). Forte calo per il grano tenero (-640mila tonnellate), oltre a diminuzioni più contenute per orzo (-80.100 tonnellate) e avena (-11.200 tonnellate). Scene inoltre l'importo di prodotti trasformati (-136mila tonnellate), mentre sono aumentati i mangimi a base cereali (+21mila tonnellate) e riso (+41.600 tonnellate). Altro trend al rialzo sono i semi e frutti oleosi, con una crescita di 384mila t, di cui 400mila tonnellate in più per i semi di soia. Riduzione forte anche per le farine proteiche vegetali (-258mila tonnellate).

A livello di export, il calo dei cereali in granella si attesta intorno alle -116mila tonnellate, mentre segnali negativi arrivano anche da riso (-44.700 tonnellate) e semola di grano duro (-35mila tonnellate), oltre, un po' a sorpresa, sui prodotti trasformati (-8mila tonnellate). Buone performance per i mangimi (+9,2%) e soprattutto per la pasta, che raggiunge il nuovo livello record di esportazione con oltre 1,9 milioni di tonnellate. Nel complesso le esportazioni sono calate in quantità di 53mila tonnellate (-1,2%) nonostante, come già detto in precedenza, un aumento in valore di quasi 167 milioni di euro.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 222.332 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner