Mercati: bene risi e cruscami, incerto il settore ortofrutticolo

30 marzo 2018. Prezzi e tendenze per ortofrutta e cereali dai mercati all'ingrosso e dalle borse merci

ortofrutta-cereali-mercati-duccio-caccioni-agronotizie-italia.jpg

Il mercato italiano del 29 e 30 marzo 2018

Ortofrutta  

(produzione e mercati all'ingrosso italiani, venerdì 30 marzo 2018)
Ancora incerto e ondivago il mercato ortofrutticolo condizionato da un meteo volubile e variabile lungo tutta la penisola: difficile fare la situazione o tantomeno previsioni sui mercati all'ingrosso.

Alla produzione si nota un aumento delle quotazioni delle mele (sia in pianura sia in montagna) – la stagione dal punto di vista dei prezzi è sicuramente rimarchevole.
In lieve ribasso (-5 cent/kg) i kiwi in natura e confezionati di pezzatura grossa (33).
Stabili le patate nazionali.  


Cereali e foraggi

(riunione Borsa merci Bologna, giovedì 29 marzo 2018)   
Stabili i  frumenti teneri  e duri nazionali. Ancora in ribasso il frumento di importazione canadese: due euro in meno per il frumento Northern Spring (-5 euro in due settimane) e -5 euro/tonnellata per il Western Red Spring.
In aumento l'orzo (+3 euro/tonnellata)  Sempre positivo l'andamento delle contrattazioni dei vari cruscami (dai +3 a +4 euro/tonnellata).

Bene anche le farine di soia di importazione (+10 euro/tonnellata) e nazionali (+5 euro/tonnellata). Crescono sempre i risi: Ribe (+20 euro/tonnellata, normale e parboiled), Arborio (+10 euro/tonnellata) Lido, Savio et similia (+40 euro/tonnellata).

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 206.852 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner