Mosca dell'olivo, in soccorso il portfolio BIOGARD®

La divisione di CBC Europe Srl ha organizzato un webinar per illustrare le proprie linee tecniche per la difesa da questo fitofago

Contenuto promosso da CBC (Europe) :: Divisione Biogard
olivo-ramo-ulivo-olive-by-giovanni-cancemi-fotolia-750.jpeg

BIOGARD® propone soluzioni biologiche che possono essere ben inserite anche in strategie di difesa integrata (Foto di archivio)
Fonte foto: © Giovanni Cancemi - Fotolia

L'olivo rappresenta una delle realtà più importanti dell'agricoltura e dell'agroindustria italiana. Il problema comune a tutti gli areali è quello della mosca dell'olivo (Bactrocera oleae). 

BIOGARD®, divisione di CBC Europe Srl, ha organizzato un webinar per illustrare le proprie linee tecniche per la difesa da questo fitofago.

Il primo passo per attuare un razionale piano di difesa è l'impiego delle trappole sia per il monitoraggio (BacTrap) che per una vera e propria difesa secondo la tecnica dell'attract & kill (Eco-Trap).
"La tecnica attract & kill - ha puntualizzato Massimo Benuzzi, area tecnica BIOGARD®- si basa su un'azione preventiva di cattura di massa degli adulti".
Eco-Trap è costituita da un sacchetto in polietilene, contenente l'attrattivo alimentare, che è rivestito esternamente da una carta speciale trattata con un piretroide: la deltametrina. Viene poi fornito anche un dispenser contenente il feromone (attrattivo sessuale).
"Una volta che la trappola viene attivata, gli adulti della mosca vengono attirati sulla superficie della trappola e muoiono rapidamente. L'uso delle Eco-Trap è autorizzato in agricoltura biologica".

Trappole di Biogard

La strategia comprende poi anche trattamenti fogliari con l'impiego del prodotto Polvere di Roccia BIOGARD®
"Si tratta di un formulato - ha sottolineato Mauro Piergiacomi, area tecnica BIOGARD - a base di caolino naturale sottoposto ad un processo fisico meccanico che conferisce una colorazione bianca, fattore chiave per il successo applicativo".
Il caolino forma sulla vegetazione un sottile strato di colore bianco che riflette i raggi solari e svolge un'azione fisica nei confronti degli insetti nocivi, che così faticano ad individuare la coltura. Il prodotto si integra perfettamente con l'impiego di altri mezzi di difesa.

Polvere di roccia

Anche Naturalis®, insetticida/acaricida a base di Beauveria bassiana (ceppo ATCC 74040) si può inserire nella strategia di difesa contro la mosca dell'olivo.
"Naturalis® - puntualizza Edith Ladurner, area tecnica BIOGARD® - grazie all'azione deterrente sulla ovideposizione, trova un'ottimale collocazione in caso di pressione elevata del fitofago o in oliveti di piccole dimensioni e in genere trova la giusta collocazione durante le fasi finali del ciclo in settembre/ottobre".

Naturalis

L'olivo può essere attaccato anche da lepidotteri come la tignola dell'olivoPrays oleae, e in questo caso un ruolo di primo piano per la difesa è giocato da Rapax® AS, insetticida microbiologico a base di Bacillus thuringiensis subsp kurstaki (Btk) ceppo EG 2348.
Il primo passo per l'impiego di Rapax® AS è un attento monitoraggio della presenza del fitofago attraverso l'utilizzo delle Biogard Delta Trap innescate con lo specifico feromone di P. oleae.
"Il primo intervento con Rapax® AS va effettuato in fase di schiusura uova con un secondo intervento distanziato di circa 7-10 giorni. Se poi il volo del fitofago è prolungato e ci si aspetta una schiusura scalare delle uova è consigliabile eseguire un terzo trattamento dopo ulteriori 7-10 giorni".

Rapax AS

In conclusione, Vincenzo Cavicchi ha riassunto l'intera strategia per la difesa sostenibile dell'olivo di BIOGARD®.
"Di fronte alla molteplicità dei problemi dell'olivo, BIOGARD® propone soluzioni biologiche che possono essere ben inserite anche in strategie di difesa integrata".