Le mele diventano snack con Rivoira, Vip e Vog

Nasce Snacking Project, nuova società consortile per sviluppare il mercato delle mele di piccolo calibro, ideali per il consumo snack. I primi test di degustazione a ottobre con i primi quantitativi

mela-snack-progetto-rivoira-vip-vog-fonte-fruitecom-20200928.jpg

La prima varietà scelta per il progetto 'snacking' è una mela a buccia gialla, raccolta a fine agosto, dolce e croccante

"Aggregarsi per guardare avanti e fare innovazione è fondamentale e la nascita di questa nuova realtà ne è la dimostrazione.Vogliamo garantire ai consumatori la possibilità di gustare mele di qualità e allo stesso tempo innovative, ideali per i diversi momenti della loro giornata, che accompagnino in maniera semplice e immediata tutte le loro attività, sia tra le mura domestiche che fuori casa". Così Thomas Oberhofer, già presidente di Vip, commenta la nascita di Snacking Project, la nuova società consortile di cui è presidente, fondata da tre aziende italiane attive del settore melicolo: Rivoira G. & F.lli di Verzuolo (Cn), Vip di Laces (Bz) e Vog di Terlano (Bz).

Obiettivo del progetto è dare impulso e sviluppo commerciale a un segmento dalle promettenti prospettive come quello delle "mele snack". Il sodalizio firmato da queste realtà ha preso il via nel 2017 grazie alla comune collaborazione con Ifo, azienda francese specializzata nella ricerca e sviluppo di nuove varietà di mele, che ha consentito l'accesso ad un esclusivo progetto di breeding per la selezione di mele di calibro naturalmente piccolo. Si tratta di frutti con una forma naturale che li rende adatti ad essere consumati come spuntino, ideali da sgranocchiare fuori pasto, durante i viaggi, nelle piccole pause, ma anche perfetti da mangiare a scuola come alternativa gustosa e salutare agli ipercalorici snack industriali.

Dopo il primo accordo, Rivoira, Vip e Vog si sono garantite congiuntamente la licenza esclusiva per le varietà ritenute più interessanti allo sviluppo commerciale; da allora, dopo approfonditi test su una decina di selezioni individuate dal progetto di breeding, è stata scelta una prima varietà da destinare agli impianti commerciali. La naturale conseguenza è stata la nascita di una Società distinta, per dare solidità e continuità al progetto.

"Siamo molto orgogliosi di questa partnership con tre produttori italiani leader del settore melicolo" afferma Bruno Essner, presidente di Ifo. "Siamo convinti che sia un progetto dalle basi solide; siamo riusciti a ottenere delle mele naturalmente piccole e particolarmente gustose grazie ad un lavoro di ricerca pluriennale che ha coinvolto i nostri migliori professionisti. La licenza in esclusiva a Snacking Project è la prova concreta della fiducia che riponiamo in queste tre aziende e nei loro team di lavoro".

La prima varietà scelta per il progetto "snacking" è una mela a buccia gialla (vedi foto), raccolta già a fine agosto, dolce e croccante, perfetta per il consumo nei mesi autunnali ed invernali. I primi limitati volumi raccolti sono destinati a test di degustazione che si svolgeranno in selezionati punti vendita; per il packaging è stato, per ora, scelto un flowpack in linea. Nei prossimi anni il progetto si svilupperà e arricchirà con la selezione di altre varietà rosse e bicolori, a raccolta tardiva e adatte ad una conservazione più lunga. L'obiettivo, infatti, è quello di garantire ai clienti un'ampia e completa gamma di mele snack al fine di essere presenti nei punti vendita per 12 mesi l'anno.

 "Siamo molto soddisfatti di questo primo passo ed ora bisogna guardare al futuro con energia e ottimismo, perché questo è un progetto a lungo termine" commenta Georg Kössler, presidente di Vog. Dello stesso avviso anche Marco Rivoira, amministratore delegato della omonima ditta piemontese: "Adesso il progetto entra nel vivo e inizia la fase più delicata con i primi significativi test di mercato di ottobre, grazie alle prime migliaia di chili raccolti quest'anno in Piemonte e in Alto Adige. Siamo pronti e stiamo procedendo speditamente attraverso un preciso piano commerciale".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 242.942 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner