Toscana, 18 milioni per i giovani agricoltori

Approvato il nuovo bando per il primo insediamento che prevede un premio di 30mila euro per i nuovi imprenditori agricoli sotto i quaranta anni. Le domande potranno essere presentate da febbraio

giovani-giovane-agricoltore-agricoltori-vite-vendemmia-uva-vigneto-by-goodluz-fotolia-750x500.jpg

Giovani agricoltori, la Toscana mette a disposizione 18 milioni per il primo insediamento
Fonte foto: © goodluz - Fotolia

La Toscana ha varato il nuovo pacchetto giovani che metterà a disposizione 18 milioni di euro per il primo insediamento dei giovani che aprano o vadano alla direzione di una azienda agricola.

Potrà beneficiarne chi aprirà per la prima volta una partita Iva agricola, o la ha aperta entro 24 mesi dalla presentazione della domanda ed ha una età compresa tra i 18 e i 40 anni.

Il contributo previsto è di 30mila euro a fondo perduto, che aumenta a 40mila euro in zone montane e permetterà di accedere a varie misure del Psr con finanziamenti del 50% (60% in zone montane) per investimenti in strutture aziendali e diversificazione delle attività.

Chi accede al contributo dovrà conseguire il titolo di Iap, Imprenditore agricolo professionale e continuare l'attività agricola come attività prevalente per almeno cinque anni.

Per l'assessore regionale all'Agricoltura Marco Remaschi il pacchetto giovani è una misura-chiave del Programma di sviluppo rurale che in questa programmazione ha visto complessivamente uno stanziamento di 165 milioni di euro favorendo l'insediamento di oltre mille imprese, offrendo ai giovani la possibilità di avere un ruolo da protagonisti in un ambito, come quello agricolo, che vede la Toscana riconosciuta a livello mondiale per la qualità dei suoi prodotti.

Per ora il bando è stato pubblicato sul bollettino ufficiale della Regione Toscana, le domande potranno essere presentate a partire da febbraio.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 232.544 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner