Calabria, 55 milioni in arrivo su Domanda unica e Psr

Da Catanzaro il Dipartimento agricoltura e l'ente pagatore regionale Arce informano che il flusso di cassa è stato attivato già nella giornata del 31 ottobre. I pagamenti riguardano il primo pilastro della Pac per quasi 46,6 milioni

Mimmo Pelagalli di Mimmo Pelagalli

banconote-soldi-by-m-schuppich-fotolia-750.jpeg

Numerose le misure a superficie del Psr comprese nei pagamenti posti in essere nei giorni scorsi
Fonte foto: © M. Schuppich - Fotolia

Oltre 55 milioni di euro verranno distribuiti sui conti correnti bancari di molti agricoltori calabresi.
A renderlo noto sono stati, con una nota diffusa alla stampa, il Dipartimento agricoltura e risorse agroalimentari della Regione Calabria e l'organismo pagatore regionale Arcea.
Il flusso di cassa è partito nella giornata del 31 ottobre 2018 e sono andati in pagamento due kit relativi a istanze di sostegno del Programma di sviluppo rurale Calabria 2014-2020 (n. 49 e n. 50) e uno relativo alla Domanda unica sul primo pilastro della Pac.

In particolare, quasi 46,6 milioni di euro costituiscono l'anticipo della campagna 2018 della Domanda unica e sono destinati a 6.652 beneficiari.
Per quanto riguarda il Psr, invece, in queste ore saranno pagati circa otto milioni e mezzo di euro a 1.748 beneficiari, con un'operazione che va a sanare anche arretrati delle annualità passate.

Nello specifico, il kit 49 del Psr riguarda le misure 8 "Forestazione", 10 "Pagamenti agro-climatico-ambientali", 11 "Agricoltura biologica", 13 "Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici" e 14 "Benessere animale". Invece, con il kit 50 sono in pagamento la misura 10.1.7 relativa alla "Preservazione della biodiversità: bergamotto" e ancora la misura 13 "Indennità a favore delle zone soggette a vincoli naturali o ad altri vincoli specifici".

"Nonostante le difficoltà a livello nazionale degli organismi pagatori - ha dichiarato il presidente e assessore all'Agricoltura della Regione Calabria, Mario Oliverio - la Calabria si attesta tra le regioni più virtuose in termini di rapidità della spesa dei fondi comunitari in agricoltura e per questo bisogna riconoscere gli sforzi di Arcea. Sicuramente bisogna tarare ancora meglio la velocità dell'erogazione dei pagamenti e soprattutto il rapporto con il sistema informatico nazionale, al fine di eliminare intoppi e lungaggini burocratiche e garantire ai beneficiari tempi certi".

"L'erogazione delle risorse del Psr e del primo acconto della Domanda unica - ha affermato il consigliere regionale delegato all'Agricoltura Mauro D'Acri - consente di garantire la necessaria liquidità alle aziende agricole, soprattutto in questo momento storico, nel quale eventi meteorologici eccezionali hanno creato pesanti danni e messo in difficoltà molte realtà produttive regionali".

"Si tratta di un momento molto intenso per la macchina amministrativa della Regione - ha aggiunto il dirigente generale del Dipartimento agricoltura e risorse agroalimentari, Giacomo Giovinazzo - Il Dipartimento ha schiacciato il piede sull'acceleratore, lavorando sodo su più versanti. I pagamenti, infatti, vanno ad aggiungersi alle istruttorie e alle graduatorie delle misure del Psr che stiamo pubblicando in queste settimane e ai bandi di prossima pubblicazione. A dimostrazione che il comparto agricolo e il suo sviluppo sono una delle priorità assolute della Regione Calabria".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 191.638 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner