Agricoltura, scendono i costi di produzione nel 2016

Riduzione del 2,1% delle quotazioni dei mezzi correnti per le aziende agricole nel 2016, secondo l'Ismea, in particolare grazie a prodotti energetici, fitosanitari e mangimi

Lorenzo Pelliconi di Lorenzo Pelliconi

Questo articolo è stato pubblicato oltre 3 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

agricoltura-lavoro-agricolo-agricoltore-trattore-macchine-agricole-contoterzismo-agromeccanici-campo-campi-by-antbphotos-fotolia-750x500.jpg

Flessione dei costi di produzione in agricoltura nel 2016
Fonte foto: © antbphotos - Fotolia

Flessione dei costi di produzione in agricoltura nel 2016, terzo anno consecutivo, dopo che già nel biennio 2014-2015 si era visto questo trend.
Secondo i dati dell'Ismea, infatti, l'indice dei prezzi dei mezzi correnti di produzione si è attestato in media a quota 103,8 punti base, pari a una riduzione dei costi del 2,1% rispetto al 2015.

A influire maggiormente su questa flessione dei costi sono stati in primis i prodotti energetici (-10%), seguiti da fertilizzanti (-2,7%), fitosanitari (-1%), mangimi (-2,5%) e servizi di contoterzismo (-1,6%). Si registra invece una crescita dei prezzi degli animali da allevamento (+1,1%), oltre che per salari (+0,7%) e sementi (+0,6%).

Secondo l'analisi dell'Ismea, la discesa dei costi non si è però tradotta in una maggiore redditività aziendale, dal momento che, sempre nel 2016, le quotazioni dei prodotti agricoli hanno visto una decrescita di oltre il 5% rispetto al 2015.
Analizzando l'andamento dei costi per settore, quello più avvantaggiato è stato quello delle coltivazioni vegetali (-2,8%), in particolare nel settore cerealicolo. Flessione dei costi meno intensa nella zootecnia (-1,5%).

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 238.894 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner