Piano di azione nazionale usi sostenibili: uno sguardo all'attività delle regioni

Normativa Nazionale

Questo articolo è stato pubblicato oltre 4 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Il Piano di Azione Nazionale (decreto 22 Gennaio 2014) “per l'uso sostenibile dei pesticidi”, in attuazione della medesima direttiva europea, prevede l'istituzione di un sistema di formazione e aggiornamento obbligatorio per utilizzatori professionali, distributori e consulenti. Secondo una nostra verifica (ringraziamo sin da ora per eventuali aggiornamenti) solo 8 regioni (Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Lazio, Sicilia e Sardegna), cui presto si unirà la Liguria, che sta pubblicando il provvedimento sul locale Bollettino, hanno deliberato le modalità con cui intendono attuare questo compito: vediamo come.

Un piccolo ripasso
Il PAN prevede che i certificati di abilitazione, della durata di cinque anni, vengano rilasciati dopo frequenza di un corso di formazione e superamento dell'esame finale condotto mediante somministrazione di test. Anche per il rinnovo è necessario dimostrare di aver frequentato un corso durante il quale i candidati apprendono gli ultimi aggiornamenti. Comunque le abilitazioni (i “patentini”) attualmente in vigore verranno mantenute sino alla loro scadenza.

Le materie dei corsi
I corsi di formazione propedeutici devono avere una durata minima di 20 ore per gli utilizzatori professionali e di 25 ore per i distributori ed i consulenti. I corsi di aggiornamento, necessari al rinnovo, devono avere una durata minima di 12 ore. Le materie spaziano dalla legislazione italiana e comunitaria in materia di prodotti fitosanitari, alla lotta obbligatoria agli organismi nocivi, ai pericoli e rischi associati ai prodotti fitosanitari, alla lotta integrata, alla valutazione comparativa dei prodotti fitosanitari, alle misure di mitigazione del rischio per l'uomo e l'ambiente, alle modalità di trasporto e stoccaggio dei prodotti fitosanitari, all'uso dei dpi (dispositivi di protezione individuale), alla protezione delle acque superficiali e sotterranee, alle attrezzature per la distribuzione, alla protezione di aree specifiche in quanto di particolare interesse ambientale (es aree di ripopolamento) o frequentate da gruppi vulnerabili della popolazione (es bambini), per concludere con la compilazione della reportistica degli utilizzi dei prodotti (es registri vari). I moduli specifici approfondiscono tematiche più attuali per ogni figura professionale, come ad esempio l'interpretazione delle informazioni di etichetta (materia tutt'altro che semplice!) nel caso degli utilizzatori professionali, le norme sulla sicurezza dei locali di vendita per i distributori e la biologia delle avversità delle piante coltivate e le relative modalità di controllo per i consulenti.

Accesso ai corsi
I corsi per gli utilizzatori professionali non richiedono particolari requisiti oltre la maggiore età e l'esperienza di utilizzo degli agrofarmaci, i consulenti devono invece essere in possesso di diplomi o lauree (anche triennali) nelle discipline agrarie e forestali, mentre i corsi per i distributori sono aperti anche ai possessori di titoli di studio in discipline biologiche, ambientali, chimiche, mediche e veterinarie, oltre alle già citate agrarie e forestali.
Esenzioni per utilizzatori professionali e consulenti, ma non per i distributori
Sono esentati dai corsi per utilizzatori professionali i diplomati o laureati in discipline agrarie e forestali, biologiche, naturali, ambientali, chimiche, farmaceutiche, mediche e veterinarie, che tuttavia dovranno superare l'esame finale.
Completa esenzione da corso ed esame da consulente nel caso di: ispettori fitosanitari, docenti universitari di discipline fitoiatriche, soggetti con almeno 2 anni (al 26 novembre 2015) di comprovata esperienza nell'assistenza tecnica fitoiatrica, o che abbiano frequentato e superato l'esame di un corso professionale riconosciuto dall'autorità regionale o provinciale, per i quali l'amministrazione prevede l'attribuzione di crediti formativi.
Distributori: non sono previste esenzioni.

L'interpretazione del PAN da parte delle regioni
La norma del PAN è di per se abbastanza dettagliata (da 47 a 66 pagine, a seconda del formato), per cui le immancabili personalizzazioni operate dalle regioni, spesso dettate da problematiche storico/organizzative, si sono limitate al minimo. Ma qualcosa abbiamo trovato. Tutte le regioni si sono allineate nella durata dei corsi, solo il Piemonte ha previsto per distributori e consulenti 28 ore di corso anzichè le 25 previste dalla norma nazionale. Tendenza quasi generalizzata all'esame scritto (quiz a risposta multipla) e formazione a distanza citata solo in poche regioni, in alcuni casi ricorso ad apposite agenzie. Nella tabella sottostante sono riportati i risultati del confronto effettuato. Non appena saranno disponibili le delibere delle rimanenti regioni (purtroppo la maggioranza), pubblicheremo un aggiornamento.

Conclusioni
Dalla nostra verifica emerge che molte regioni non hanno ancora ancora istituito il sistema formativo obbligatorio per utilizzatori professionali, distributori e consulenti, come previsto dal Piano di azione nazionale (PAN). Il termine per rilasciare abilitazioni all'acquisto e alla vendita secondo la normativa precedente è scaduto il 26 novembre 2014 e a circa dieci mesi dal termine del 26 Novembre 2015 molti utilizzatori professionali, distributori e consulenti non hanno ancora modo di dotarsi delle abilitazioni indispensabili per poter esercitare la loro professione. La situazione è resa meno grave dal fatto che le abilitazioni rilasciate secondo la normativa precedente sono valide sino alla loro scadenza e moltissime sono state concesse o rinnovate proprio a ridosso del 26 novembre 2014. Auspichiamo che i ritardatari si adeguino quanto prima, magari prima dell'inizio dell'EXPO 2015, evento cardine dell'intera filiera agroalimentare.



Tabella. Confronto tra alcuni aspetti dei provvedimenti regionali di applicazione del PAN
Regione Durata corsi ore Esame Formazione a distanza Note
Emilia Romagna 20 ore utilizzatori
25 ore distributori e consulenti
Scritto oppure
Orale
Si Ordini professionali possono organizzare corsi previo accreditamento
Lazio 20 ore utilizzatori
25 ore distributori e consulenti
Scritto Non citata
 
Marche 20 ore utilizzatori
25 ore distributori e consulenti
Scritto Non citato
 
Piemonte 20 Utilizzatore
20+Approf.
8 Distributori e consulenti
Scritto oppure orale Si Finanziamenti FEASR
Sardegna 20 ore utilizzatori
25 ore distributori e consulenti
Scritto Non citata
 
Sicilia 20 ore utilizzatori
25 ore distributori e consulenti
Scritto oppure orale Non citata
 
Toscana 20 ore utilizzatori
25 ore distributori e consulenti
Scritto Non citata
 
Veneto 16 ore modulo di base
4 ore specifico utilizzatori
Distributori 25 ore
Scritto Si Gestito da apposita Agenzia
Distributori chiamati venditori
Consulenti non dettagliati


Per saperne di più
  1. DECRETO LEGISLATIVO 14 agosto 2012, n. 150 Attuazione della direttiva 2009/128/CE che istituisce un quadro per l'azione comunitaria ai fini dell'utilizzo sostenibile dei pesticidi.
  2. DECRETO 22 gennaio 2014 Adozione del Piano di azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, ai sensi dell’articolo 6 del decreto legislativo 14 agosto 2012, n. 150 recante: «Attuazione della direttiva 2009/128/CE che istituisce un quadro per l’azione comunitaria ai fini dell’utilizzo sostenibile dei pesticidi».
  3. DECRETO del PRESIDENTE della REPUBBLICA 28 febbraio 2012, n. 55. Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 23 aprile 2001, n. 290, per la semplificazione dei procedimenti di autorizzazione alla produzione, alla immissione in commercio e alla vendita di prodotti fitosani- tari e relativi coadiuvanti.
  4. D.P.R. n. 290 del 23 Aprile 2001 Regolamento di semplificazione dei procedimenti di autorizzazione alla produzione, alla immissione in commercio e alla vendita di prodotti fitosanitari e relativi coadiuvanti (n. 46 allegato 1, legge . 59/1977).
  5. Regione Emilia Romagna DELIBERAZIONE della Giunta Regionale 27 ottobre 2014, n. 1722 -nuove disposizioni per il rilascio e il rinnovo delle abilitazioni alla vendita, all'acquisto e per la consulenza sull'impiego di prodotti fitosanitari in agricoltura. d.lgs. 150/2012
  6. Regione Lazio Deliberazione 18 novembre 2014, n. 788 Abrogazione "Nuovo regolamento per il rilascio ed il rinnovo dell'autorizzazione all'acquisto e all'impiego dei prodotti fitosanitari molto tossici, tossici nocivi, e relativi coadiuvanti, ai sensi del D.P.R. del 23 aprile 2001, n.290" approvato con delibera n.669/2002, come modificata dalla D.G.R. n.384 del 19 novembre 2013. Decreto legislativo 14 agosto 2012, n.150, articoli 7,8 e 9. Approvazione della "Disciplina per il rilascio ed il rinnovo del certificato di abilitazione all'acquisto e all'utilizzo dei prodotti fitosanitari e alla consulenza, ai sensi del D.Lgs. n.150/2012".
  7. Regione Marche - Deliberazione n. 1312 del 24/11/2014
  8. Regione Piemonte - Deliberazione della Giunta Regionale 24 novembre 2014, n. 44-645 Applicazione in Piemonte del D.M. 22 gennaio 2014. "Adozione del Piano d'Azione Nazionale (PAN) per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, ai sensi dell'art. 6 del D.Lgs. n. 150/2012". Disposizioni procedurali sul nuovo sistema di formazione obbligatorio degli utilizzatori professionali, dei distributori e dei consulenti finalizzato al rilascio e/o al rinnovo dei relativi certificati di abilitazione.
  9. Regione Sardegna - Deliberazione n. 52/16 del 23/12/2014. D.Lgs. 14.8.2012, n. 150 e decreto interministeriale 22 gennaio 2014. Piano d'azione nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. Direttive per l'attuazione nella Regione Sardegna dell'attività di formazione e rilascio delle abilitazioni per gli utilizzatori professionali, i distributori e i consulenti di prodotti fitosanitari.
  10. Regione Sicilia - D.D.G. n. 6402 del 12/12/2014;
  11. Regione Toscana - Deliberazione 29 settembre 2014, n. 796 - DGR 555 del 7.7.2014 “Attuazione in Regione Toscana del Piano di azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti ?tosanitari (PAN) di cui al D.lgs. 150/2012”. Approvazione Indirizzi per la realizzazione dei percorsi formativi per gli utilizzatori, i distributori e i consulenti di prodotti ? tosanitari e Indirizzi per la realizzazione dei percorsi formativi per i tecnici che svolgono i controlli funzionali delle macchine irroratrici.
  12. Regione Veneto - Deliberazione della Giunta Regionale n. 2136 del 18 novembre 2014 . Decreto Legislativo 14.08.2012, n. 150. Attuazione della direttiva 2009/128/CE che istituisce un quadro per l'azione comunitaria ai fini dell'utilizzo sostenibile dei pesticidi. Disposizioni di attuazione del sistema di formazione obbligatoria e certificata per gli utilizzatori professionali e per rivenditori di prodotti fitosanitari, previsto dal Piano d'azione nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari adottato con Decreto Ministeriale 22.01.2014.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 209.368 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner