Pomì resta in Italia, nasce leader mondiale pomodoro

Acquisizione della nuova società Boschi Food & Beverage S.p.A. partecipata da Consorzio casalasco del pomodoro e Cio

Questo articolo è stato pubblicato oltre 12 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

Marco Crotti_150.jpg

Marco Crotti

Restano in Italia i marchi Pomì, Pomito e Pais ceduti dalla Parmalat e nasce un gruppo leader mondiale nella fornitura del pomodoro e derivati. E’ questo il risultato dell’operazione di acquisizione condotta dagli imprenditori agricoli attraverso la nuova società, Boschi Food & Beverage S.p.A., partecipata dal Consorzio casalasco del pomodoro (80%) e dal Cio, Consorzio interregionale ortofrutticoli (20%).
La Boschi Food & Beverage S.p.A ha rilevato gli stabilimenti di Felegara e Fontanellato oltre agli assets commerciali dalla Boschi Luigi & Figli Spa, controllata dalla Parmalat che ha ceduto anche i marchi Pomì, Pomito e Pais. Per illustrare i contenuti dell’operazione di acquisizione e gli sviluppi futuri è convocata da Consorzio casalasco e Cio una conferenza stampa per oggi a Parma, ore 10,30, in via dei Mercati 9 (c). L’operazione ha assicurato che, grazie all’impegno degli imprenditori agricoli, un marchio storico del made in Italy per un prodotto che è il simbolo della dieta mediterranea nel mondo. La Boschi Food & Beverage potrà anche contare sulla certificazione di origine del pomodoro 100% di origine italiana e di tracciabilità della filiera che solo chi può controllare produzione, raccolta e trasformazione, solo chi ha un legame così forte con il territorio, può garantire. (In foto: Marco Crotti presidente della nuova società Boschi Food & Beverage S.p.A)

Fonte: Coldiretti

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 188.826 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner