Il futuro dell'allevamento da latte secondo Lely

In occasione dei festeggiamenti per i suoi primi settanta anni, la multinazionale olandese ha presentato Astronaut A5 e l'ultimo modello di Juno, il robot spingiforaggio. Fornendo anche interessanti anticipazioni su alcuni progetti nel mirino

Allevatori Top di Allevatori Top

Info aziende
astronaut-a5-robot-bovini-allevatori-top-mag-2018.jpg

Astronaut A5 è stato pensato e sviluppato per rendere le operazioni di mungitura ancora meno stressanti, sia per la vacca che per l'allevatore

Automazione del lavoro in stalla e disponibilità di dati in tempo reale, ma non solo. È l'idea di Lely sul futuro degli allevamenti bovini da latte espressa in occasione dei "Lely Future Farm Days" tenutisi recentemente in Olanda per celebrare i primi settanta anni del gruppo multinazionale. Un appuntamento di rilievo mondiale in cui Lely ha annunciato il lancio del nuovo e rivoluzionario robot di mungitura Astronaut A5 e del nuovo robot spingiforaggio Lely Juno.

Scarica la rivista Allevatori Top


Lely Astronaut A5

Il nuovo robot di mungitura Astronaut A5 - già disponibile presso i Lely center italiani - è sinonimo di mungitura senza stress sia per l'allevatore che per le vacche.

Con Astronaut A5 il comfort della vacca aumenta sempre di più: il nuovo braccio ibrido è silenzioso, più veloce, più efficiente dal punto di vista dei consumi energetici e quindi più preciso, e garantisce una mungitura regolare. Seguendo ogni movimento della vacca durante la fase di mungitura e posizionandosi vicino alla mammella, il braccio ibrido è in grado di correggersi rapidamente in caso di movimenti imprevisti dell'animale. Ciò garantisce un processo di mungitura veloce e completo, anche delle primipare.
Dopo ogni mungitura, il nuovo sistema di rilevamento del capezzolo effettua una seconda scansione della mammella per garantire un'igiene ottimale e limitare il rischio di contaminazione.

Astronaut A5 è inoltre provvisto di un nuovo display ancora più intuitivo; tutte le informazioni rilevanti vengono presentate in un'unica schermata, dalla prima mungitura di una vacca alle attività quotidiane. E' sufficiente un clic per assegnare l'alimentazione, definire il percorso specifico per la singola vacca o vedere le attività di manutenzione giornaliera.

Astronaut A5 è stato testato in tutto il mondo, in oltre trenta allevamenti e su più di 2 milioni di mungiture in un ampio intervallo di temperature per garantirne un funzionamento impeccabile in qualsiasi circostanza. In tutti i test, il consumo di detergenti e acqua è stato abbassato e l'utilizzo di energia è stato ridotto anche del 25%. Gli investimenti per rendere la manutenzione rapida e semplice e l'utilizzo di componenti di alta qualità permettono una significativa riduzione dei costi di manutenzione del robot.
"Mungere una vacca - ha sintetizzato ai Lely Future Farm Days il ceo di Lely, Alexander Van der Lely - non è mai stato così semplice e comodo, sia per l'allevatore che per l'animale. Astronaut A5 contribuisce al nostro obiettivo di rendere più facile la vita degli allevatori, aumentare il successo della loro attività e creare un futuro di successo per loro e le loro famiglie".
 
In occasione dei Lely Future Farm Days è stato Alexander Van der Lely a presentare la vision della multinazionale olandese sul futuro della zootecnia da latte
In occasione dei "Lely Future Farm Days" è stato Alexander Van der Lely a presentare la vision della multinazionale olandese sul futuro della zootecnia da latte


Lely Juno di terza generazione

Nel corso dei "Lely Future Farm Days", Lely ha anche presentato l'ultima innovazione nel campo del riavvicinamento automatico del foraggio: un Lely Juno di terza generazione ancora più efficiente, più semplice da implementare in qualsiasi tipo di stalla, più facile da azionare e in grado di riavvicinare il foraggio anche in aziende agricole con più stalle.

Il nuovo Lely Juno - che sarà disponibile agli allevatori a partire da settembre - può essere infatti utilizzato praticamente in qualsiasi tipo di stalla senza modifiche. Juno segue le pareti e le rastrelliere su entrambi i lati, mentre le guide metalliche sul pavimento lo indirizzano verso la stazione di ricarica e, se necessario, verso altre stalle. Quando Juno guida senza riavvicinare il foraggio, la gonna può essere sollevata. Questo ne riduce l'usura e consente al robot di superare piccoli ostacoli. Inoltre Juno ha un'altezza libera da terra sufficiente per muoversi su pendenze, evitando che fango e letame sporchino la protezione. Il foraggio rimane così pulito e fresco, fattore che a sua volta migliora il consumo alimentare e la salute della mandria.

Il nuovo modello di Juno. È dimostrato che una maggior frequenza di riavvicinamento della razione stimola l’ingestione da parte della mandria, con un aumento che può arrivare al 2,8%
Il nuovo modello di Juno. È dimostrato che una maggior frequenza di riavvicinamento della razione stimola l'ingestione da parte della mandria, con un aumento che può arrivare al 2,8%

Quando Juno spinge l'alimento a destra e a sinistra, la gonna viene abbassata. La funzionalità di spinta bidirezionale permette una maggiore capacità di funzionamento del robot e consente un movimento omogeneo dell'alimento. Nei periodi caldi questo evita il surriscaldamento dell'alimento in rastrelliera. Quando si sposta da una stalla all'altra, Juno può aprire e chiudere automaticamente le porte elettriche grazie ad una connessione Bluetooth.

La connessione Bluetooth può essere usata anche per azionare il robot dallo smartphone con l'app "Lely Control Plus". L'allevatore può facilmente creare e poi controllare un percorso con azioni preimpostate e guidare Juno con un clic. Nello stesso percorso si può avvicinare l'alimento a distanze diverse. In base alla quantità di foraggio disponibile in un determinato punto, Juno corregge automaticamente la distanza ottimale dalla rastrelliera. Anche in presenza di una ripartizione non omogenea, il robot assicura un riavvicinamento corretto dell'alimento lungo tutta la corsia, in modo che sia sempre raggiungibile dalle vacche.
Juno dispone anche di un rilevatore di collisione che provvede a fermarlo non appena incontra un ostacolo. Il rilevatore può essere dotato di un impulso elettrico, che non arreca danni alle vacche o alle persone, ma serve ad evitare che il contatto con gli animali arresti la macchina.

Scarica la rivista Allevatori Top
 
a cura di Lely Italia

© AgroNotizie - riproduzione riservata

Fonte: Lely

Autore:

Tag: latte bovini app per l'agricoltura robot

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 183.265 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner