Blue tongue in Lazio: manca il vaccino

L'assessore regionale del Lazio della Sanità, Antonello Liori, scrive al ministro Ferruccio Fazio

Questo articolo è stato pubblicato oltre 9 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, puoi trovarle con la ricerca articoli.

blue-tongue-ruminanti-ovini.jpg

"Sblocco della movimentazione ed acquisto diretto dei vaccini da parte della Regione, queste sono le richieste che abbiamo inoltrato al ministero della Salute". Lo ha detto l'assessore regionale del Lazio della Sanità, Antonello Liori, annunciando il contenuto di una lettera spedita la scorsa settimana al ministro Ferruccio Fazio relativa al problema della vaccinazione contro la blue tongue.

"Non è accettabile - ha proseguito l'assessore Liori - che la campagna di vaccinazione subisca ritardi ed interruzioni dovuti alla mancanza di adeguate scorte di vaccino valido, peraltro sempre tempestivamente richieste al ministero, che ne cura direttamente l'acquisto e l'invio alle Regioni. Sopratutto, perché questo si traduce in un ingente danno economico per l'intero comparto zootecnico isolano, che tra i principali sbocchi di vendita ha proprio gli allevamenti della penisola".

"Perciò - ha aggiunto l'esponente della giunta Cappellacci - abbiamo chiesto al ministero della Salute sia l'autorizzazione per poter acquistare direttamente i quantitativi di vaccino necessari per la Sardegna, che lo sblocco della movimentazione di ovini e bovini verso tutta la penisola, anche considerando l'attuale favorevole situazione della circolazione virale. Ovviamente, tutto avverrà sotto l'adeguata osservazione dei servizi veterinari. Si tratta d'importanti e decisive richieste per il futuro di tutti gli allevamenti dell'Isola, che ripeterò personalmente in un prossimo incontro coi vertici del ministero".

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 221.547 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner