Vite: molteplici parassiti, una soluzione

Specialista nel controllo di cocciniglie e cicaline della vite, Closer® è la novità di Corteva Agriscience a base di Isoclast active (sulfoxaflor)

Contenuto promosso da Corteva Agriscience Italia
vite-vigneto-viticoltura-vitivinicoltura-by-geert-huysman-adobe-stock-750x500.jpeg

Closer® : contro cicaline e cocciniglie della vite (Foto di archivio)
Fonte foto: © Geert Huysman - Adobe Stock

Con l'avanzata della stagione la vite sarà sempre più soggetta anche agli attacchi di insetti parassiti, fra i quali cocciniglie e cicaline. Fra queste ultime la più pericolosa appare Scaphoideus titanus, vettore della flavescenza dorata. Quindi il suo controllo diviene oltremodo strategico nei piani di difesa dei vigneti.


Contro tali avversità Corteva Agriscience propone Isoclast active (sulfoxaflor), sostanza attiva alla base di Closer®. Molecola di nuova generazione, può essere applicata con successo in viticoltura contro una molteplicità di parassiti.


Spettro d'azione e modalità d'uso 

I parassiti della vite controllati da Closer® sono la cocciniglia farinosa della vite (Planococcus ficus), la cocciniglia farinosa (Planococcus citri), la cocciniglia del corniolo (Parthenolecanium corni), la cicalina verde della vite (Empoasca flavescens/vitis) e la cicalina della flavescenza dorata (Scaphoideus titanus),


Su vite da tavola e da vino è possibile applicare Closer® una volta all'anno alla dose di 400 millilitri per ettaro (48 grammi di sostanza attiva) a partire dal momento in cui sia terminata la fase della fioritura. In alternativa, contro Empoasca e scafoideo è possibile eseguire due trattamenti a 200 millilitri per ettaro (24 grammi di sostanza attiva) a un intervallo minimo di 7 giorni. Tali dosi sono riferite a volumi di acqua compresi fra 300 e 1.500 litri per ettaro. 


Per una corretta gestione dei fenomeni di resistenza è consigliabile applicare Closer® in alternanza con insetticidi a diverso meccanismo d'azione. 

 

Scarica la brochure di Closer®

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 277.519 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner