Vigneto e frutteto, guida alla difesa (aprile 2010)

On line, la presentazione del supplemento dedicato alla difesa delle colture de L'Informatore Agrario

Questo articolo è stato pubblicato oltre 11 anni fa

Scopri tutte le notizie aggiornate sull'agricoltura, leggi le ultime novità di Bayer, Syngenta Italia.

informatore-agrario-difesa-vigneto-frutteto-suppl-12-2010.jpg

La copertina del supplemento - cliccare sul link in alto a destra nell'articolo per scaricare il pdf completo

L'Informatore Agrario ha pubblicato il supplemento al numero 12/2010.

Si tratta di "Vigneto e frutteto, guida alla difesa", analisi approfondita delle novità in materia di sostanze attive e formulati commerciali.

Nel supplemento, scaricabile da questa pagina (si veda il link a lato) è riportata una tabella, a cura di Image Line e commentata da Floriano Mazzini, si segnalano i prodotti fitosanitari di recente introduzione in commercio selezionati in base a: nuove sostanze attive, sostanze attive già note purché presentino degli aspetti innovativi, come ad esempio una nuova formulazione, una modifica degli intervalli di sicurezza, estensioni di impiego, ecc.
Tutte le informazioni sono riportate nel motore di ricerca degli agrofarmaci Fitogest.com

Per ulteriori informazioni:
Edizioni L'Informatore Agrario - Tel 045 8009480
Image Line - Tel 0546 680688

 

Affirm, nuovo insetticida contro la carpocapsa di melo e pero 

Bisogna fare molta attenzione alle variazioni di etichetta dei diversi composti del rame, soprattutto per quanto riguarda le colture revocate 

Ricordiamo che dal 1° aprile i formulati contenenti dicloran, bromuro di metile e buprofezin non possono più essere impiegati 

di Floriano Mazzini - Servizio fitosanitario - Regione Emilia-Romagna


Autorizzata una nuova sostanza attiva insetticida per la lotta alla carpocapsa delle pomacee: si tratta di emamectina-benzoato (Affirm, Syngenta Crop Protection).

Emamectina benzoato appartiene al gruppo delle avermectine, molecole di derivazione ottenute dalla fermentazione di un microrganismo del suolo, lo Streptomyces avermitilis. Possiede una spiccata attività nei confronti delle larve dei lepidotteri, agisce per ingestione e per contatto, il suo posizionamento ottimale va dalla pre-schiusura delle uova alle fasi di accrescimento delle larve. Nella classificazione Irac è inserito nel gruppo 6 degli attivatori del canale del sodio. La sostanza attiva è in grado di penetrare all'interno dei tessuti vegetali e mediante un movimento di tipo translaminare si ridistribuisce all'interno della vegetazione.

Si applica alla dose di 300 g/hL (3-4 kg/ha); la dose più bassa (3 kg/ha) si impiega con volumi d'irrorazione uguali o inferiori a 1.000 L/ha. Sono ammessi al massimo 2 trattamenti per anno. Può essere impiegato su tutte le generazioni e, in termini generali, per evitare la comparsa di fenomeni di resistenza è consigliabile alternare prodotti con differente meccanismo d'azione.

(continua nel pdf allegato)

 

Autorizzata una nuova formulazione della sostanza attiva fungicida fenexamid (Teldor plus, Bayer CropScience). Si tratta di una formulazione liquida che consente una migliore copertura della superficie trattata, una maggiore adesività della sostanza attiva e un suo minore dilavamento. Il formulato è impiegabile su vite (contro botrite), pesco, albicocco, susino e ciliegio (contro botrite e monilia), fragola (in pieno campo e in serra contro botrite), pomodoro, melanzana, peperone, cetriolo e zucchino (in pieno campo e in serra contro botrite), lattuga e altre insalate comprese le brassicacee e le erbe fresche (in pieno campo e in serra contro botrite e sclerotinia), fagiolino (in serra contro botrite e sclerotinia) e infine per la conservazione dei frutti di actinidia in post-raccolta.

Si impiega alla dose di 1-1,5 L/ha. In post-raccolta si utilizza alla dose di 120 mL/hL. Possono essere eff ettuati al massimo 2 trattamenti all'anno su vite, lattuga e altre insalate comprese le brassicacee e le erbe fresche; al massimo 3 trattamenti all'anno su fragola, pomodoro, melanzana, peperone, cetriolo, zucchino, fagiolino; al massimo 4 trattamenti all'anno su pesco, albicocco, susino e ciliegio. L'intervallo si sicurezza è di 60 giorni per l'immissione in commercio dell'actinidia, di 7 giorni per la vite e di 3 giorni per tutte le altre colture.

(continua nel pdf allegato)

 

Fra i nuovi formulati registrati, indicati nell'allegato, vi sono: Imprint e Tarkus di Agrowin Biosciences; Karamat M di Scam; Melody Trevi di Bayer CropScience; Turibel di Dow Agrosciences Italia.

Nel pdf sono riportate ulteriori indicazioni in merito a estensioni/restrizioni di etichetta, nonché ad adeguamenti di Lmr e intervalli di sicurezza.

 

L'articolo si conclude con:

- Adeguamento etichette formulati a base di rame
- Revisione europea delle sostanze attive
- Scadenze
- Corroboranti

 

Inoltre, in questo supplemento:

ViticolturaPer ottenere finanziamenti viticoli si deve rispettare la condizionalità (Pdf, 1,02 MB)
di M. Dalpiaz

Olivicoltura - Olivo in stato di sofferenza al Nord a causa dell'inverno rigido
di G.P. Sancassani

Meccanica - Con il controllo funzionale irroratrici più efficienti
di C. Baldoin

Normativa fitosanitaria - (vedi testo sopra riportato) - Affirm, nuovo insetticida contro la carpocapsa di melo e pero
di F. Mazzini

Strategie di difesa: Vite - Melo - Pero - Actinidia - Pesco - Susino - Albicocco - Ciliegio - Olivo
A cura del Gruppo di lavoro