Lavorazioni del terreno, da Celli una nuova soluzione per le risaie

L'azienda di Forlì ha lanciato E/P, una fresatrice pieghevole in grado di operare in terreni allagati, come quelli delle risaie

Contenuto promosso da Celli
epanteriore-celli-750x500.jpg

E/P è costruita con acciaio ad alto limite di snervamento
Fonte foto: Celli

Si chiama E/P la nuova arrivata di casa Celli: una fresatrice pieghevole progettata per operare nelle risaie, grazie ad un particolare sistema di lavorazione che è già stato brevettato dall'azienda. Tra le innovazioni della macchina c'è il rotore, completamente ridisegnato in termini di dimensioni, diametro esterno e quantità di flange e zappe.

Sviluppata per il mercato Sudcoreano, E/P è caratterizzata da una notevole leggerezza che le permette di non sprofondare nei terreni bagnati. Per ottenere questa caratteristica di galleggiamento, oltre al peso sono state studiate geometrie particolari (cofano e rotore) che consentono di avere un rapporto peso/volume molto basso: questo, accoppiato alla corretta velocità di rotazione del rotore, realizzata tramite una scatola ad ingranaggi a singola velocità, consente di lavorare in maniera adeguata. Sono inoltre stati sviluppati automatismi che evitano proiezioni di acqua nelle zone circostanti all'area di lavoro, ad esempio attraverso le ventole.

Dalla versione sviluppata per il mercato coreano i progettisti Celli hanno poi pensato a varianti idonee per le risaie italiane: E/P è caratterizzata da un'estrema versatilità, grazie ad alcuni accorgimenti tecnici (la doppia flangia con sistema di interfaccia) che consentono di accogliere rotori di dimensioni e geometrie differenti, sostituendoli in maniera semplice e adattando quindi la macchina a diverse tipologie di lavoro e condizioni del terreno.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 243.872 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner