Agriumbria e Agrilevante insieme

Dal 10 al 13 ottobre prossimi la fiera umbra sarà partner della storica manifestazione di Bari. Per Lazzaro Bogliari, presidente di Umbriafiere, è la dimostrazione che questo evento è un fiore all'occhiello per l'intero comparto

agrilevante-agriumbria-loghi-by-agrilevante-agriumbria.jpg

Agrilevante, a ottobre Agiumbria sarà a Bari per la cura della parte zootecnica
Fonte foto: modificata da Agriumbria.eu e Agrilevante.eu

A ottobre Agriumbria partirà per Bari, dove sarà uno dei partner tecnici dell'appuntamento più importante per l'agricoltura del Mediterraneo, Agrilevante, che si terrà a Bari dal 10 al 13 ottobre prossimi.

Nata nel 1969 con l'idea di essere una fiera moderna di agricoltura, Agriumbria è cresciuta negli ultimi cinquanta anni diventando un punto di riferimento per il settore agrozootecnico dell'Italia centrale e non solo.

La collaborazione ormai consolidata con FederUnacoma - la Federazione nazionale costruttori macchine per l'agricoltura - che organizza Agrilevante, ha portato in Agriumbria numerosi compratori internazionali ed una notevole visibilità nella massima vetrina fieristica, quella di Eima International a Bologna.

E ora porta la realtà umbra a Bari dove collaborerà alla cura della sezione zootecnica di Agrilevante. Una collaborazione che era già stata annunciata ad aprile, nel corso della 51esima edizione di Agriumbria.

"Essere chiamati da un importante realtà come FederUnacoma per collaborare nella realizzazione della parte legata alla zootecnia in Agrilevante è da un lato per noi un onore, dall'altro la conferma che il lavoro che abbiamo svolto in questi decenni ha visto al centro sempre il sistema allevatoriale nella sua totalità - ha commenta Lazzaro Bogliari, presidente di Umbriafiere - un successo che si sta traducendo in queste importanti collaborazioni e che ci vede sempre affiancati da Aia, l'Associazione italiana allevatori".

La sezione zootecnica, organizzata in collaborazione con Aia e Ara Puglia, sarà una importante novità dell'edizione 2019 della fiera di Bari ed è il completamento della filiera con la presenza di un significativo spaccato della ricca biodiversità zootecnica del nostro paese, con l'esposizione di cinquecento capi e lo svolgimento di concorsi e rassegne delle principali razze bovine da latte e da carne, bufaline, ovine, caprine, equine e cunicole con particolare attenzione a quelle tipiche dell'Italia Meridionale.

Insieme agli stand degli animali e degli allevatori, lo spazio espositivo sarà occupato anche da aziende legate strettamente al settore zootecnico, come quella di mangimi e delle attrezzature, raggiungendo in totale uno spazio espositivo di oltre 6mila metri quadrati.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 187.555 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner