Farm to Fork, dare priorità ai dati

Agrofarma e Assofertilizzanti: "è essenziale che gli obiettivi delle strategie europee siano basate su un'attenta analisi dei dati scientifici, degli studi e su una valutazione di impatto completa, riconoscendo l'innovazione come un pilastro fondamentale"

agricoltura-digitale-tablet-tecnologie-by-sodawhiskey-adobe-stock728x500.jpeg

Gli agrofarmaci e i fertilizzanti costituiscono per l'agricoltura nazionale uno strumento indispensabile (Foto di archivio)
Fonte foto: © sodawhiskey - Adobe Stock

Gli obiettivi della strategia Farm to Fork richiedono nuovi studi di impatto per dare priorità ai dati. Questo è quanto auspicano Agrofarma e Assofertilizzanti, le associazioni di settore di Federchimica che rappresentano rispettivamente le imprese di agrofarmaci e i produttori di fertilizzanti.

Tutti i dati finora emersi confermano che, allo stato attuale, il raggiungimento degli obiettivi avrà un impatto significativo sulla capacità produttiva dell'agricoltura dell'Ue e sulla sua redditività. D'altra parte, gli stessi convengono sul ruolo fondamentale giocato dall'innovazione e dalla tecnologia nel percorso verso una sempre maggiore sostenibilità del comparto agroalimentare.

Gli agrofarmaci e i fertilizzanti costituiscono per l'agricoltura nazionale uno strumento indispensabile per assicurare il pieno soddisfacimento della richiesta alimentare dei consumatori, garantendo al contempo elevatissimi standard di sicurezza alimentare e di tutela ambientale.

"Comprendiamo le aspettative della società civile e della politica nell'ambito della produzione alimentare, ma è essenziale che gli obiettivi delle strategie europee siano basate su un'attenta analisi dei dati scientifici, degli studi disponibili e su una valutazione di impatto completa, riconoscendo l'innovazione come un pilastro fondamentale".

Viceversa, obiettivi non fondati sui dati scientifici si trasformerebbero in una sorta di "gioco a somma zero", a solo discapito dell'agricoltura europea, e senza guadagno per la salute del pianeta. Per questo, occorre partire dalla comprensione della natura delle sfide che gli obiettivi della Farm to Fork pongono, e chiedere una valutazione completa, che possa far emergere le potenziali criticità, in modo da poter discutere le possibili soluzioni.

Agrofarma e Assofertilizzanti, assieme alle imprese che rappresentano, ribadiscono la propria disponibilità a lavorare a fianco delle istituzioni nazionali e delle organizzazioni della filiera agricola per contribuire all'attuazione delle strategie Farm to Fork e biodiversità, salvaguardando l'ambiente e garantendo, al contempo, la crescita del comparto, a beneficio dei consumatori e dell'economia italiana.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 268.477 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner