Melo, ecco cosa succederà nella stagione 2019-2020

I produttori melicoli europei si sono riuniti, in occasione della conferenza Prognosfruit, per conoscere e commentare le previsioni di produzioni. Per l'Italia si stima una produzione di 2.194.762 tonnellate

mele-melo-by-sesa-fotolia-750x541.jpeg

Rispetto al 2018 è previsto un calo del 20% a livello europeo
Fonte foto: © Sesa - Fotolia

La situazione nell'Unione Europea…

Le stime di produzione per il 2019, emerse dalla conferenza Prognosfruit che ha accolto i produttori melicoli europei nel castello di Alden Biesen in Belgio, prevedono un raccolto di mele in Europa di 10.566.000 tonnellate, con un calo del 20% rispetto alla produzione record dello scorso anno, principalmente dovuto alla netta perdita in Polonia e nei paesi produttori dell'Europa orientale.

Come accaduto due anni fa, il raccolto in Europa sarà pesantemente influenzato dalle gravi gelate che hanno colpito la Polonia e diversi paesi produttori dell'Est Europa.
La Polonia prevede una riduzione del raccolto del 44% rispetto allo scorso anno con una produzione stimata a 2.710.000 tonnellate, inferiore quindi a quella del 2017.
Perdita di produzione anche per Ungheria, Romania e Croazia. In Austria e in Germania, paesi interessanti per l'export italiano, si prospettano cali importanti della produzione rispettivamente del 22% e del 17%.

La Francia, invece, stima un raccolto in rialzo del 12% rispetto alla scorsa stagione, prevedendo un raccolto superiore a 1.600.000 tonnellate. In incremento anche le produzioni di Portogallo (+15%) e Spagna (+14%).

Tutti i paesi in Europa hanno risentito di condizioni climatiche difficili, caratterizzate da gelate, temperature particolarmente elevate in luglio, forti venti e grandinate. Fattori che impatteranno sulla quantità di merce a disposizione, sulla pezzatura delle mele e sulla qualità del prodotto.


… e in Italia

Per l'Italia invece, si stima una produzione di 2.194.762 tonnellate, leggermente inferiore a quella dello scorso anno ma in linea con la media 2014-2018, 2017 escluso.

Gli andamenti della produzione per la stagione entrante sono differenti a seconda delle aree produttive: scende dell'8% e si assesta su livelli inferiori alla media la produzione del Trentino, che lo scorso aveva fatto registrare il raccolto più alto di sempre; per l'Alto Adige si stima invece una produzione perfettamente in linea con quella dello scorso anno e inferiore alla media.
Si stabilizza sulla cifra dello scorso anno anche il raccolto del Piemonte, ormai la seconda regione a livello di produttivo dopo il Trentino Alto Adige con una crescita guidata da nuovi meleti piantati in sostituzione del kiwi. Leggermente in ribasso la produzione in Emilia Romagna e del Friuli, mentre torna livelli nella media quella della Lombardia.

Rispetto agli altri paesi produttori, l'Italia presenta dinamiche varietali distintive e incoraggianti.
Perde ulteriormente terreno rispetto agli anni precedenti, e con un ritmo abbastanza sostenuto se paragonato a quello degli altri paesi, la Golden Delicious (-7% sul 2018).
Dopo il raccolto record dello scorso anno, la varietà Red Delicious perde il -9% e torna ad una produzione in linea con le annate precedenti. Previsto un calo del 14% per la produzione di Granny Smith. Scende anche la Renetta, con una produzione attesa decisamente inferiore alla media. Al contrario, continuano a crescere Gala (+8%) e Fuji (+2%).

L'iniziale ritardo di sviluppo vegetativo è stato praticamente del tutto recuperato e la raccolta inizierà regolarmente entro la metà di agosto con le varietà e nelle aree più precoci.
Al momento i calibri, complice prima un clima freddo e piovoso e poi temperature decisamente sopra la media, sono generalmente inferiori alla norma.
Alcune aree produttive risentono delle conseguenze della presenza della cimice asiatica, sempre più aggressiva.
La grandine, abbinata a fenomeni metereologici estremi, ha interessato a macchia di leopardo praticamente quasi tutte le regioni, ma ad un livello per ora non eccessivamente impattante. Al momento si può supporre che la quantità di mele da destinare alla trasformazione sarà superiore rispetto alla media.

In ogni caso, dal punto di vista organolettico e qualitativo la situazione al momento è giudicata buona.

Tabella andamento italiano
Le previsioni di produzione italiane a livello regionale
Fonte: Assomela/Cso
 

Le prospettive per la stagione 2019-2020

Le informazioni provenienti da Prognosfruit vanno analizzate in un quadro generale e, viste le condizioni climatiche in Italia e in Europa, quest'anno potrebbero subire ulteriori aggiustamenti.
Il volume di mele disponibile nella zona comunitaria, stimato alla fine di luglio, potrebbe essere tra i più bassi degli ultimi anni. In generale, per la quasi totalità dei paesi produttori, ci si attendono calibri generalmente inferiori alla media. Altro elemento da tenere in considerazione è quello del calo drastico di varietà tipicamente prodotte e vendute nell'Europa orientale e in particolare in Polonia dove si sono concentrate le maggiori perdite in Europa.

In uno scenario di questo tipo, per l'Italia e per gli altri paesi produttori europei la stagione potrebbe essere certamente "più rilassata" rispetto a quella appena conclusa, senza ombra di dubbio tra le più difficili di sempre.

Resta evidente che il mercato europeo delle mele, al di là delle singole stagioni sempre più influenzate dalle conseguenze di condizioni climatiche fuori dalla normalità, soffra di uno squilibrio tra la domanda e l'offerta che merita di essere affrontato il prima possibile. Per gli operatori italiani, il mercato nazionale e quello europeo sono e rimangono fondamentali e affrontare le condizioni di un mercato strutturalmente in sovrapproduzione è indispensabile.
In questo caso un maggiore impegno delle autorità dei singoli stati e dell'Ue, costantemente richiamato da associazioni di tutti i paesi ad a tutti i livelli, non solo è auspicabile, ma necessario.

Rimangono per altro sullo sfondo i problemi che il settore melicolo europeo soffre ormai da anni. Primo fra tutti le persistenti conseguenze, soprattutto indirette per l'Italia, della chiusura del mercato russo e la instabile situazione economica e politica nei principali paesi nordafricani, Egitto e Algeria in modo particolare, sbocchi fondamentali per le mele del nostro paese. Dati incoraggianti si rilevano per l'export nell'area degli Emirati Arabi, Arabia Saudita, Sud America e, per quanto oggi accessibile, anche nel Far East. La mancanza di protocolli bilaterali continua a limitare le possibilità di esportazione della merce italiana, ma i progressi degli ultimi mesi per Vietnam e Taiwan fanno certamente ben sperare. Anche l'India,come per la stagione appena conclusa, potrebbe dimostrarsi un ottimo sbocco per il prodotto italiano, soprattutto considerando l'aumento dei dazi subiti dai produttori statunitensi.

Da considerare anche la progressiva maggiore disponibilità di varietà moderne, apprezzate dal mercato, e il ruolo dell'industria di trasformazione, che prevede quotazioni in rialzo.
Infine, non si prevede un aumento dell'importazione da paesi dell'Emisfero Sud in Europa, stabili da diversi anni intorno a 500mila tonnellate.

In questo contesto le aspettative per la stagione commerciale 2019-2020 sono ragionevolmente positive, soprattutto per i frutti di qualità e le varietà più moderne.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 196.367 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner