BKT, la produzione continua

Grazie alle misure introdotte per proteggere i dipendenti, l'attività produttiva nei cinque stabilimenti indiani prosegue senza intoppi anche in questo periodo difficile per l'India

bkt-buhj-maggio-2021.jpg

Lo stabilimento BKT di Bhuj è attivo
Fonte foto: BKT Europe

La scrittrice indiana Arundhati Roy scrive in un articolo su The Guardian, ripreso dalla rivista Internazionale"La pandemia ha sopraffatto l'India, dove il governo non ha fatto nulla per evitare il ritorno violento del coronavirus".

Ha invece reagito prontamente il produttore di pneumatici BKT che - dopo aver ricevuto messaggi preoccupati da tutto il mondo - rassicura coloro che si sono interessati affermando che i team indiani e di altri paesi lavorano in sicurezza, dando il massimo per mantenere l'attività a livelli normali.

Sempre attenta alla tutela del personale, BKT ha introdotto subito misure per evitare la diffusione del Covid-19 nei propri stabilimenti produttivi. Grazie all'intervento tempestivo, i cinque siti indiani hanno funzionato senza problemi con una capacità media del 95% fin da aprile 2020, fermandosi solo il mese precedente per permettere la creazione di una task force e l'attuazione di tutte le misure necessarie.

Nonostante l'emergenza sanitaria, la scarsa disponibilità di materie prime e le difficoltà legate ai trasporti navali e aerei, il Gruppo lavora duramente per soddisfare le richieste dei clienti, fornendo i prodotti ordinati con puntualità e lanciando nuove misure di pneumatici. Sia la salute delle persone - al primo posto per l'azienda - sia il business sono salvi in BKT.