MF 6718 S: nuovo trattore a 4 cilindri in versione Stage V

Sotto al cofano del top di gamma della Serie Massey Ferguson 6700 S un motore Agco Power Stage V e la trasmissione semi powershift Dyna-6 o a variazione continua Dyna-VT

Contenuto promosso da AGCO, AGCO Italia, AGCO Italia :: Massey Ferguson
mf-6718s-con-mf-316fq-dm367tlv.jpg

MF 6718 S, abbinato a una falciatrice anteriore di Massey Ferguson
Fonte foto: Massey Ferguson

Mai nessuno si è spinto a tanto. Massey Ferguson propone il nuovo MF 6718 S, primo e attualmente unico trattore a 4 cilindri sul mercato in grado di raggiungere i 200 cavalli. Oggi la maggior parte dei costruttori offre trattrici a 4 cilindri con potenze di 130-140 cavalli e in qualche caso si arriva a 150-160 cavalli. I vantaggi di un motore a 4 cilindri sono riconducibili alla compattezza, alla riduzione del passo e del peso complessivo per una maggiore manovrabilità e un minore compattamento.
 

Il cuore pulsante del MF 6718 S

Vincitore del Machine of the year 2020 ad Agritechnica 2019, il trattore è parte della Serie MF 6700 S ora alimentata da propulsori in linea con la normativa Stage V. In particolare, l'MF 6718 S monta un motore a 4 valvole per cilindro Agco Power 49 AWF da 4.9 litri con alesaggio di 108 millimetri e corsa di 134 millimetri.

Dotato di turbo con valvola wastegate e intercooler elettrici, il propulsore a iniezione common rail eroga una potenza massima di 180 cavalli e può usufruire di 20 cavalli extra sia in movimento - quando vengono attivate la pdp sotto carico e l'idraulica - che in fase di trasporto - quando viene superata la velocità di 6 chilometri orari con la trasmissione Dyna-6 - ma anche in caso di lavorazioni con frangizolle in campo. In definitiva Agco Power 49 AWF sviluppa una potenza specifica di ben 30 chilowatt per litro di cilindrata, quasi mai raggiunta da altri motori.

Nuovo sul propulsore Stage V è il sistema HLA. Mutuato dai modelli di alta potenza, consente di gestire in automatico e idraulicamente la regolazione del gioco delle valvole grazie alla presenza delle punterie idrauliche. Con HLA si ottiene un risparmio di 1.170 euro per 4.800 ore di vita del mezzo. Inoltre, il passaggio allo Stage V ha spinto gli ingegneri di Massey Ferguson a migliorare ulteriormente il sistema di emissionamento, oggi posizionato sotto la cabina come il rinomato gruppo "all in one" con lo scarico molto sottile che garantisce massima visibilità.
 
MF 6718 S Dyna-VT ad Agritechnica 2019
MF 6718 S Dyna-VT ad Agritechnica 2019
 

Trasmissione, due opzioni per il trattore Massey Ferguson

Sul MF 6718 S è possibile scegliere la trasmissione semi-powershift Dyna-6, provvista del Super Eco che consente di raggiungere i 40 chilometri orari a soli 1.500 giri motore, o a variazione continua Dyna-VT. La prima è un cambio robotizzato a 4 gamme, 6 marce sotto carico con inversore elettroidraulico che mette a disposizione 24+24 rapporti. La seconda combina una parte idrostatica e una meccanica garantendo una variazione di velocità estremamente fluida da 30 metri all'ora fino a 50 chilometri orari.

Caratteristica distintiva ed esclusiva del modello del brand di AGCO è la leva al volante dell'inversore Power Control, che consente al conducente di cambiare le gamme e le marce, nonché di invertire il senso di marcia o mettere in folle tenendo la mano destra libera per azionare gli altri comandi. Le stesse funzioni possono essere gestite dalla leva Multipad presente a destra dell'operatore.

Con la trasmissione Dyna-6 si può lavorare nelle modalità leva (Speedmatching), strada (lepre), campo (tartaruga) e pedale (AutoDrive) per strada o campo. L'AutoDrive consente di cambiare velocità automaticamente a seconda del carico e del regime motore per renderne più agevole l'utilizzo, migliorare il rendimento e ottimizzare i consumi. È presente anche la funzione "folle con pedale del freno" per disinnestare la trasmissione premendo i pedali dei freni senza l'uso della frizione.
 
Leve del bracciolo del MF 6718 S
Leve del bracciolo del MF 6718 S

Il MF 6718 S con Dyna-VT vanta soluzioni molto interessanti: il DTM e il supervisore Pto. Con il DTM, in caso di operazioni di traino, aratura o ripuntatura in campo, è possibile fissare la velocità di avanzamento e il regime motore ideale è gestito automaticamente dal mezzo. Quando la velocità motore scende sotto un determinato valore, il supervisore Pto permette al trattore sotto carico (ad esempio con un erpice rotante) di ridurre in automatico la velocità dando priorità al mantenimento dei giri della pdp così da ottimizzare la finitura del terreno.
 

Idraulica e pdp: l'efficienza è al massimo

Il MF 6718 S può contare sull'assale anteriore sospeso QuadLink (di serie per gli allestimenti Efficient ed Exclusive), provvisto di un parallelogramma controllato da un unico cilindro idraulico che fornisce una corsa della sospensione di 90 millimetri, e su un performante impianto idraulico.

Quest'ultimo può essere a centro chiuso load sensing con pompa a cilindrata variabile da 110 litri al minuto (con Dyna-6) o da 190 litri al minuto (con Dyna-VT). Inoltre, sono disponibili fino a 5 distributori elettronici posteriori, dotati di leva di decompressione per facilitare lo sgancio dei tubi delle attrezzature, e 3 ventrali per l'alimentazione della parte frontale di cui uno dedicato al sollevatore anteriore da 3.200 chilogrammi.

Il sollevatore posteriore elettronico ELC - gestibile dai comandi sul bracciolo o dalla leva Multipad (allestimento Exclusive) - presenta una capacità massima di 8.400 chilogrammi e usa la funzione ammortizzatore per evitare anomali beccheggi del trattore con attrezzi pesanti in strada. Come di consueto in questo segmento di potenza adatto a differenti applicazioni, il MF 6718 S è equipaggiato con la pdp da 540/540Eco/1000/1000Eco con regime ridotto. In modalità automatica, la pdp si disinnesta quando si alzano i bracci sopra una posizione predefinita.
 
MF 6718 S con le falciatrici MF 316FQ e MF DM367TLV
MF 6718 S con le falciatrici MF 316FQ e MF DM367TLV
 

Cabina e tecnologia by Massey Ferguson

Sul top di gamma della Serie 6700 S, il comfort di guida è assicurato dalla cabina con sospensione meccanica o meccanica attiva. Quest'ultima (standard sull'allestimento Exclusive) sfrutta boccole silent block anteriori, ammortizzatori a molla e circuito idraulico di smorzamento posteriori - controllati da una centralina in cabina e da due accelerometri - per garantire una risposta ottimale in ogni condizione e ridurre i sobbalzi, i beccheggi, il rollio.

In più, il MF 6718 S può essere gestito al meglio mediante il nuovo terminale touchscreen MF Datatronic 5 da 9 pollici, di serie nell'allestimento Exclusive e in opzione in quello Efficient. L'intuitivo terminale funziona in modo analogo a un tablet, permettendo di accedere alle impostazioni e modificarle in modo facile e veloce. Oltre ad assicurare un controllo totale del trattore e degli attrezzi, Datatronic 5 Isobus si occupa di tutto ciò che riguarda l'agricoltura di precisione con MF Guide, Section Control e Rate Control.
Negli allestimenti Essential ed Efficient è invece disponibile il sistema Fieldstar 5, che prevede lo stesso terminale touchscreen in grado di coprire tutto quanto in ambito di MF Technologies, esclusi i controlli della trattrice.

Ultima chicca del MF 6718 S, il tool di telemetria MF Connect migliora ulteriormente l'affidabilità e i tempi di lavoro grazie al trasferimento di dati in tempo reale che consente al concessionario - previa autorizzazione del cliente - di fornire assistenza in remoto, applicando la manutenzione preventiva. I sistemi di Massey Ferguson non solo supportano l'agricoltore nella propria attività, ma permettono anche di usufruire dei benefici fiscali derivanti dall'iperammortamento previsto dalla legge di Bilancio 2020.

Ti è piaciuto questo articolo?

Registrati gratis

alla newsletter di AgroNotizie
e ricevine altri

Unisciti ad altre 234.700 persone iscritte!

Leggi gratuitamente AgroNotizie grazie ai Partner